Piscina, meno corsie e contratto a rischio
Protesta e raccolta firme dei dipendenti

CIVITANOVA - Manifestazione in Comune. Il Grillo teme la perdita dei posti di lavoro. Tutto nasce da una lettera che Il segretario comunale ha scritto alla cooperativa che gestisce l'impianto. Deve garantire lo spazio anche ad una nuova associazione, la Civitanova Nuoto, pena la rescissione della convenzione
- caricamento letture
I lavoratori della piscina comunale questa mattina in Comune

I lavoratori della piscina comunale questa mattina in Comune

di Laura Boccanera

Hanno raccolto circa 40 firme i dipendenti della piscina comunale che questa mattina sono saliti fino al secondo piano di Palazzo Sforza per manifestare tutta la loro preoccupazione e il pericolo tangibile della perdita di posti di lavoro. Tutto nasce da una lettera inviata dal segretario comunale alla cooperativa Il Grillo che gestisce l’impianto. Nella missiva si intima alla società di assegnare alcune delle corsie all’associazione Civitanova Nuoto, costituita dai genitori degli atleti fuoriusciti dall’Associazione Ippocampo Civitanova per la mancata conferma dei vecchi allenatori che ora si allenano a Loreto sotto la Nuoto Loreto. Nella loro richiesta, l’associazione, che non è affiliata, requisito previsto dalla convenzione, chiedeva 5 corsie su 8 nella fascia oraria dalle 14.30 alle 16.30 già impiegate nelle attività agonistiche della Ippocampo Civitanova e della Anthropos e 3 corsie dalle 16.30 alle 18.00. Il Grillo però ha respinto la richiesta con la motivazione che queste attività erano incompatibili con quelle già programmate per la stagione in corso.  La nuova associazione però non si è arresa e ha fatto pressione sul Comune al punto che il segretario comunale ha intimato al Grillo di assegnare le corsie, pena la rescissione della convenzione. I dipendenti e gli istruttori (40 persone totali di cui 13 a tempo indeterminato) questa mattina hanno pertanto espresso al sindaco e al presidente del consiglio Ivo Costamagna tutta la loro preoccupazione e rammarico per la situazione che si è venuta a creare, scongiurando la possibilità di rescissione del contratto da una parte e dall’altra manifestando la loro preoccupazione per l’ingerenza comunale nella programmazione delle attività. I collaboratori temono infatti che l’assegnazione delle corsie alla neonata associazione ridurrebbe drasticamente lo spazio a disposizione delle società già operanti nella vasca e inoltre costituirebbe un pericoloso precedente: in questo modo si potrebbero creare altrettante associazioni che vantino lo stesso diritto rendendo impossibile gestire ogni tipo di attività con pregiudizio dei loro stessi posti di lavoro.   Nel pomeriggio il sindaco ha incontrato anche una delegazione di genitori di atleti dell’Ippocampo Civitanova, 15 quelli arrivati in Comune. Anche loro hanno manifestato le loro preoccupazioni con il timore che la nuova associazione possa ora togliere spazio agli atleti tesserati con la società affiliata creando atleti di serie a e atleti di serie b.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =