Oculista trovato morto in casa
Giallo sulle cause: disposta autopsia

MACERATA - Flavio Vissani, 59 anni, direttore dell'ambulatorio dell'Asur, potrebbe essere stato stroncato da una emorragia. Un anno fa rimase coinvolto in un gravissimo incidente, il legale della famiglia: "Si riprese dopo 10 mesi, cercava di tornare alla normalità". Realizzava rebus per la Settimana Enigmistica
- caricamento letture
Flavio Vissani

Flavio Vissani

di Gianluca Ginella

Muore a 59 anni il direttore dell’ambulatorio di oculistica dell’Asur di Macerata, Flavio Vissani. Da chiarire le cause del malore che ha colpito il medico, trovato senza vita poco dopo mezzogiorno di ieri dal figlio, che era appena rincasato. Lo scorso anno Vissani era rimasto coinvolto in un gravissimo incidente: venne travolto da un’auto e la riabilitazione durò dieci mesi. E’ stata disposta l’autopsia per chiarire le cause della morte e se il malore sia legato all’incidente dello scorso anno.

Una persona brillante, molto capace nel suo lavoro e un campione dei rebus che realizzava e pubblicava, con lo pseudonimo di Veleno, sulla Settimana Enigmistica. Flavio Vissani, 59 anni, originario di Tolentino e residente con la moglie Caterina Pennesi, medico, e i figli Maria Caterina e Michele, in via Ventura 41 a Macerata, si è spento ieri all’ora di pranzo. Si trovava a casa dal lavoro, ormai da qualche giorno, per via di un po’ di febbre, forse dovuta ad un raffreddore. A scoprire il corpo senza vita del medico è stato il figlio, che a quell’ora è rincasato. Il giovane ha chiamato il 118 e il medico ha accertato la morte. “Non è stato refertato e servirà l’autopsia a dirlo, ma la causa potrebbe essere una emorragia interna – dice l’avvocato Leide Polci, che assiste la famiglia Vissani –. Abbiamo presentato una apposita istanza in procura, perché venga disposto un esame necroscopico, visto il sinistro che c’era stato un anno fa quando era stato investito da un’auto”. La procura di Macerata ha disposto l’autopsia, la data questa mattina non era ancora stata fissata. Un anno fa Vissani venne travolto mentre si trovava a 500 metri da casa, proprio in via Ventura. Mentre si trovava sul ciglio della strada, era il 31 agosto, un 20enne alla guida di una Fiat Panda lo aveva travolto. In seguito era stato trasportato all’ospedale di Torrette di Ancona.

L'avvocato Leide Polci, che assiste la famiglia di Vissani

L’avvocato Leide Polci, che assiste la famiglia di Vissani

 

Vissani era stato in coma, “aveva avuto lesioni gravissime, è stato male per circa dieci mesi, aveva riportato dei danni molto rilevanti, anche a livello neurologico – dice l’avvocato Polci –. Questa estate era tornato al lavoro, avrebbe potuto non farlo, probabilmente, ma cercava disperatamente di tornare alla normalità. L’autopsia dovrà stabilire se ci sia un nesso con l’incidente”. Un incidente gravissimo, Vissani, fisicamente, non era più come prima. Eppure aveva trovato la forza di tornare al lavoro all’Asur di Santa Croce, a Macerata, dove dirigeva l’ambulatorio di oculistica. “Era una persona sempre sorridente, aperta, franca e leale e molto istruita per quello che era il suo lavoro” lo ricorda un suo amico, Renzo Serrani. Oltre ad essere un bravo medico, Vissani era anche conosciuto nel mondo dell’enigmistica. Aveva vinto diversi premi, a livello nazionale, per i rebus che realizzava, con lo pseudonimo Veleno, per la Settimana Enigmistica. Il funerale di Vissani al momento non è stato fissato, in attesa venga svolta l’autopsia.

 

 

 

Un rebus realizzato da Vissani

Un rebus realizzato da Vissani

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X