Lettera minatoria all’ex presidente
dell’associazione Italia-Israele

TOLENTINO - Nel mirino Galliano Nabissi che nei giorni scorsi ha ricevuto minacce. Solidarietà dal Comune, il sindaco Pezzanesi: "Un cittadino onesto e rispettoso della legge, comunque la pensi, va tutelato"
- caricamento letture

lettera anonimadi Marco Cencioni

Minacce all’ex presidente dell’associazione di amicizia Italia-Israele, solidarietà da parte del comune di Tolentino. Nel mirino degli autori di una lettera anonima c’è il tolentinate Galliano Nabissi, che già in passato era stato destinatario di minacce e intimidazioni. Negli ultimi giorni Nabissi ha ricevuto nuove minacce. “Si tratta sicuramente di una iniziativa isolata, ma non meno offensiva e pertanto segnale d’intolleranza” scrive in una nota l’amministrazione comunale di Tolentino esprimendo la sua vicinanza nei confronti di Nabissi. “Ci ha riferito di aver trovato alcuni messaggi dentro la cassetta della posta contenenti minacce verso la sua persona – afferma il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi – Di conseguenza, abbiamo ritenuto di prendere una posizione netta. La prendiamo, e lo dico con tanta forza e totale franchezza, indipendentemente da chi rappresenta. Nabissi vive in un paese libero e democratico, vogliamo che venga lasciato vivere nella massima tranquillità e sicurezza: avremmo fatto lo stesso anche se fosse stato il rappresentante di qualsiasi altro tipo di associazione. Un cittadino onesto e rispettoso della legge, comunque la pensi, non può essere sottoposto a minacce e va tutelato”. Nabissi è stato oggetto, in passato, di minacce di vario tipo. Dalle telefonate agli avvertimenti (come animali morti lasciati nella cassetta della posta), fino ad una busta con all’interno pallini da caccia, recapitata l’11 novembre del 2004, giorno della morte di Arafat. Nabissi rassegnò le proprie dimissioni da presidente dell’associazione di amicizia Italia – Israele poco più di un anno dopo quell’episodio, nel dicembre 2005, all’indomani dell’ennesima lettera minatoria. “Questa amministrazione comunale ribadisce la propria condanna a qualsiasi forma di guerra, di intolleranza e di discriminazione – prosegue la nota dell’amministrazione – La società di oggi ha ancora un fortissimo bisogno di contrastare ogni forma di emarginazione. Nel merito di quanto sta accadendo a Gaza, l’amministrazione comunale auspica che si giunga immediatamente ad un cessate il fuoco”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X