Neve del 2012, arrivano i primi fondi
Nel maceratese danni per 150 milioni

Approvate dalla Regione le linee guida per la ripartizione dei 10 milioni di euro destinati alla manutenzione straordinaria delle strade. Ancora attesa per le modalità con cui ottenere i contributi riguardanti edifici pubblici e privati. Gli effetti delle nevicate del febbraio di due anni fa costeranno alle Marche quasi 600 milioni di euro, dallo Stato ne arrivano solo 17
- caricamento letture
CESSAPALOMBO - Giuseppe Cicconi

CESSAPALOMBO – Giuseppe Cicconi

 

di Marco Ricci

Sono pari a poco più di 150 milioni di euro i danni subiti in provincia di Macerata a causa delle abbondanti nevicate che hanno interessato le Marche nel febbraio del 2012, un evento climatico eccezionale che ha interessato in modo particolare il pesarese e il maceratese, con paesi isolati, disagi nei trasporto, guasti alle reti fognarie, danneggiamento di strade, abitazioni, edifici pubblici e imprese produttive. Un conto salatissimo per la provincia di Macerata che ha subito quasi 100 milioni di euro di danni ad edifici, strade e infrastrutture, 3 milioni alle reti comunali per la fornitura di servizi, 10 milioni di euro alle abitazioni e quasi 55 milioni alle attività produttive e ai servizi extra-agricoli.

Così, dopo lo stanziamento in tre anni di quasi 17 milioni di euro da parte dello Stato, la giunta regionale ha stabilito il ruolino di marcia e le linee guida per la suddivisione dei finanziamenti statali che interesseranno in piccola parte anche gli edifici privati. Circa 10 milioni di euro saranno destinati al ripristino delle strade mentre ulteriori 6.8 milioni verranno equamente suddivisi tra gli interventi destinati agli immobili pubblici e privati. Attualmente sono stati trasferiti dallo Stato alla Regione Marche solo 7.5 milioni di euro a cui si dovrebbe aggiungere un altro milione di euro nel 2014, per vedere infine la restante somma di 8 milioni entrare nelle casse di Palazzo Raffaello nel 2015, data in cui saranno a disposizione i fondi destinati agli immobili pubblici.

Reportage neve feb 2012 (7)Per l’accesso ai contributi concessi in conto capitale per gli interventi di ripristino e manutenzione straordinaria delle infrastrutture stradali comunali e provinciali, le amministrazioni dovranno entro brevissimo tempo dovranno presentare la domanda di contributo, riepilogando le spese sostenute o gli atti amministrativi attestanti gli impegni di spesa. Il criterio con cui saranno destinati gli stanziamenti si basa sulla quantità di spese sostenute dal singolo ente in rapporto alle spese complessive di tutti gli enti. Una volta accertata la correttezza delle domande e ripartite le somme, si avvierà l’iter per il trasferimento delle risorse.

 

Montelupone_neve_Matteo_Scarabotti (19)

Febbraio 2012, Montelupone (foto di Matteo Scarabotti)

Per quanto riguarda invece l’edilizia pubblica e privata, la Regione non ha ancora stabilito le linee guide, nonostante già nel 2013 sono entrati nelle casse regionali 1.5 milioni di euro destinati agli immobili privati. Piccole somme, in ogni caso, che non riusciranno certo a lenire più di tanto i costi sostenuti dal pubblico e dai privati a causa delle nevicate di due anni fa, con molte manutenzioni che presumibilmente verranno rimandate a data da destinarsi. I danni provocati dalla neve in tutta la regione ammontano infatti a quasi 600 milioni di euro.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X