M5S: “Tagliamo gli stipendi dei dirigenti”

I grillini presentano una mozione per chiedere di seguire l'esempio del sindaco di Pomezia e tagliare la retribuzione di posizione dei dirigenti fissandola ad un massimo di 13.500 euro
- caricamento letture
Pierpaolo Iacopini e Mirella Emiliozzi del Movimento 5 stelle

Pierpaolo Iacopini e Mirella Emiliozzi del Movimento 5 stelle

di Laura Boccanera

Retribuzione di posizione per i dirigenti fissata a massimo 13.500 euro annui. Lo chiedono gli esponenti del Movimento 5 stelle che con una mozione protocollata stamattina fanno richiesta al consiglio comunale di seguire l’esempio del sindaco grillino di Pomezia e sforbiciare le indennità per i dirigenti del Comune. “Sulla scia di quanto fatto a Pomezia vorremmo che il sindaco prendesse in considerazione la nostra proposta – spiega la consigliera stellata Mirella Emiliozzi – non vogliamo toccare ovviamente retribuzione base e premi di produzione, ma operare laddove è possibile per l’ente operare un risparmio. Basti pensare che alcuni dirigenti del Comune, oltre allo stipendio base sommano anche la retribuzione di posizione che ora può variare da 11mila a 45mila euro. I nostri dirigenti hanno avuto anche 38mila euro in più per la retribuzione di posizione. Fissando il tetto massimo a 13.500 si opererebbe un risparmio notevole per le casse comunali”. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X