Guzzini, ricetta per il turismo: “Abolire la tassa di soggiorno”

MACERATA - Il consigliere del Pdl propone la misura per rivitalizzare anche il centro storico e si dice "pronto a una petizione se "l'assurda imposta non venisse tolta"
- caricamento letture
Marco Guzzini

Marco Guzzini

Centro storico di Macerata ancora al centro del dibattito politico in città. Dopo l’intervento del “5 Stelle Macerata” (leggi l’articolo), è il consigliere del Pdl Marco Guzzini a intervenire sulla questione, proponendo l’abolizione della tassa di soggiorno 

“Il Consiglio Comunale aperto sul centro storico di Macerata ha evidenziato numerosi spunti di riflessione e sviluppo del “cuore” della città in un’ottica di forte collaborazione fra residenti, commercianti e mondo associativo.
Ora chi ha l’onore e l’onere di amministrare questo splendido territorio ha il compito di tradurre le numerose proposte avanzate in fatti concreti. L’ istituzione dell’imposta di soggiorno,operata dall’amministrazione comunale di Macerata lo scorso anno, ha suscitato non pochi dubbi e polemiche da parte degli operatori del settore. Una scelta a dir poco incomprensibile, se consideriamo la difficile crisi economica che sta vivendo il nostro Paese. Una crisi che non ha risparmiato la città di Macerata, mettendo a dura prova le possibilità di crescita del tessuto economico e culturale locale.
Gli operatori del settore hanno tentato di spiegare in varie occasioni le loro ragioni, sottolineando il fatto che il nostro territorio ha già subito un forte calo di presenze turistiche, pari al 31%. In un momento in cui sarebbero necessari interventi a sostegno delle realtà economiche locali , la giunta cittadina ha pensato bene di istituire una nuova imposta. Il solito “tempismo perfetto”, che porterà moltissimi visitatori a scegliere di soggiornare nei comuni vicini, essendo Macerata una delle pochissime realtà del territorio provinciale ad aver approvato un provvedimento del genere. Quello che maggiormente ha colpito gli operatori del settore è la quasi assoluta mancanza di una seria concertazione con l’amministrazione nei mesi che hanno preceduto il voto decisivo per l’approvazione della delibera in questione. Il forte appello degli operatori turistici, ribadito anche in occasione del recente Consiglio comunale aperto sul centro storico, per il potenziamento e la valorizzazione del settore va subito raccolto e sostenuto con forza. La strada maestra, quindi, appare una sola: abolire subito questa assurda tassa nella prossima sessione di bilancio e riprendere immediatamente un serio e costruttivo rapporto con gli operatori del settore turistico. Se ciò non accadrà, darò il mio contributo per dare avvio ad una petizione straordinaria che coinvolgerà tutta la cittadinanza e che farà sentire ancora più forte la voce di un territorio stanco di essere amministrato così malamente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X