L’ex San Silvestro accoglie i senzatetto
Corvatta: “Qui c’è un problema di razzismo”

CIVITANOVA - Il sindaco: "Questa città è sorda verso la povertà"
- caricamento letture
corvatta

Il sindaco Tommaso Claudio Corvatta

 

di Laura Boccanera

Sarà destinata a casa di prima accoglienza l’ex centro di sostegno per disagio mentale San Silvestro. La proposta è stata illustrata ieri sera nel corso di un incontro fra l’associazione di volontariato I-care e il sindaco Tommaso Corvatta alla presenza dell’assessore Antonella Sglavo e del gruppo scout Agesci. L’ex San Silvestro è stato infatti recentemente ristrutturato grazie ad un finanziamento regionale ed è inutilizzato da ormai quasi 15 anni. L’edificio,  465 mq su due piani e con 5 bagni, sarebbe secondo l’associazione la sede più idonea per ospitare senzatetto e persone che attualmente vivono per strada: “non esiste una categoria omogenea, parlare di rom è falso perchè esistono povertà che sfuggono alle statistiche, fra loro ci sono anche moltissimi italiani sfrattati, stranieri – ha detto il docente Roberto Mancini – e una città che non presta una prima accoglienza dal freddo e un riparo per la notte a queste persone non può dirsi civile, è una questione di dignità”.

sglavo

L’assessore Antonella Sglavo

Entusiasta per la proposta il sindaco Tommaso Corvatta: “siamo d’accordo su tutta la linea con questa iniziativa che porteremo avanti sicuramente. Non è per pietismo, qui c’è in gioco la dignità di una città, aiutare questa gente non ci procurerà maggiori consensi, ma lo faremo, perchè noi siamo diversi. Questa città è stata sorda per troppo tempo verso questi casi e probabilmente c’è un problema di razzismo a Civitanova”.

“Cambiare la mentalità non è facile – gli fa coro la Sglavo – però è tempo ed è opportuno trovare una soluzione per un’emergenza fino ad oggi sottovalutata”. La struttura, al momento sprovvista di arredo, dovrebbe essere interamente gestita dalla rete del volontariato e rimarrebbe aperta dalle 18 di sera fino al mattino per poter accogliere e fornire un pasto caldo, l’alloggio notturno ai senzatetto e la prima colazione. “Ci confronteremo anche con i cittadini di Civitanova alta su questa proposta prima di portarla in consiglio comunale – ha detto la Sglavo – fermo restando che non potremo cambiare troppo la destinazione d’uso per evitare di perdere il finanziamento acquisito. La precedente destinazione prevedeva per quegli spazi un centro per minori, ma l’emergenza in città è un’altra. Stiamo cercando di fare molto per il sociale, non è mai abbastanza, ma ad esempio un piccolo traguardo è stato quello di riportare al centro la Caritas, domenica inaugurerà la nuova struttura a Cristo re che somministra 25 pasti al giorno. Spiace vedere come l’opposizione utilizzi questi argomenti per fare ogni volta polemica – continua la Sglavo – speriamo che con le azioni possiamo cambiare la mentalità di questa città”.

senzatetto

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X