Maceratese, Troli non vuole andare via
La società lo mette fuori rosa

SERIE D - La presidentessa Tardella: "Il giocatore non vuole accettare che i piani della società nei suoi confronti siano cambiati". Domenica arriva l'Astrea all'Helvia Recina, nei biancorossi non ci saranno Orta (squalificato) e Castracani, out per infortunio. Diretta su CM dalle 14.15
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Alessandro-Troli

Alessandro Troli

di Filippo Ciccarelli

(Foto di Lucrezia Benfatto)

E’ un periodo di ottima forma per la Maceratese, che nelle ultime 6 partite ha raccolto 16 punti sui 18 disponibili, frutto di cinque vittorie e un unico pareggio (quello ottenuto in trasferta a Scoppito contro l’Amiternina). Ma all’interno del gruppo biancorosso scoppia la grana Troli: il centrocampista, indicato sulla lista dei partenti, è l’unico a non aver ancora lasciato la squadra. Le liste di svincolo sono aperte fino al 17 dicembre, e la situazione potrebbe sbloccarsi nei prossimi giorni, anche se al momento società e giocatore sono in rotta di collisione:
“Troli non ha accettato il trasferimento, non perché non voglia andare a giocare altrove, ma perché le richieste che ha al momento sono inferiori rispetto a quanto garantito dalla Maceratese” spiega la presidentessa Maria Francesca Tardella “domani verrà aggregato alla Juniores, poi vedremo cosa succederà. Pur non avendo alcun sentimento di attaccamento il giocatore rifiuta il trasferimento perché non accetta che i piani della società nei suoi confronti siano cambiati” .

A proposito di mercato, molte squadre come Civitanovese e Sambenedettese si stanno rinforzando…
“Non mi meraviglia: la Civitanovese sta giustamente operando sul mercato per raggiungere l’obiettivo dei playoff, che si era prefissata ad inizio stagione. Quello che invece mi stupisce è che abbiano lasciato partire un giocatore come Mandorino. Anche la Samb sta investendo ed è logico, d’altra parte lo abbiamo fatto anche noi ingaggiando due centrocampisti, dopo aver visto che eravamo più deficitari in quel settore”.

Tardella

Il presidente della Maceratese Maria Francesca Tardella

L’ultimo arrivato è Segarelli, che ha giocato anche scampoli di partita a Città Sant’Angelo: come si sta allenando?
“Mi sembra un giocatore di buona volontà, coi piedi buoni e che cerca di inserirsi il più rapidamente possibile nel gruppo. E’ una persona cordiale, si sta allenando bene per raggiungere una forma fisica ed atletica che gli consenta di giocare il prima possibile”.

Uno che ha avuto poco spazio all’inizio ma sta avendo un bell’impatto sul gruppo è Piergallini…
“Ritengo che sia un giocatore di categoria superiore. L’unico difetto di Matteo è che deve credere in sé stesso e crederci in maniera forte. E’ un ragazzo che quando si rende conto delle  potenzialità del suo fisico sa esprimere un calcio fantastico: più è convinto dei propri mezzi e delle proprie capacità, più è facile che esprima il suo miglior calcio. Ma è una cosa che dipende solo da lui”.

Quali sono le partite più belle che ha visto da quando è a capo della Maceratese?
“Dell’anno scorso sicuramente la partita più bella è stata Maceratese-Fermana, la seconda giornata di andata, finì 2-2. In quella partita si è vista la Maceratese. Probabilmente la più emozionante è stata la vittoria per 2-1 contro il Tolentino, mentre quest’anno la partita che mi ha fatto vedere il miglior calcio della Maceratese è stata quella contro l’Isernia”.

Domenica arriva l’Astrea: con che stato d’animo si arriva a questo match?
“Sarà una partita vissuta in due modi diversi. Il primo è un sentimento di dolore, perché Paride Paoletti, il ragazzo deceduto pochi giorni fa, è il fratello di un nostro tesserato. Abbiamo chiesto alla Federazione di poter osservare un minuto di silenzio. Per quel che riguarda la partita, speriamo di vincere per raggiungere il prima possibile la quota salvezza, dopo di che vedremo che succede alla fine del girone di andata. Giochiamo in casa, è una buona occasione per fare punti”.

Domenica prossima (calcio d’inizio alle ore 14.30) la partita sarà seguita in diretta da CM con collegamento a partire dalle 14.15. Mister Di Fabio dovrà fare a meno di Orta, squalificato per somma di ammonizioni, e Castracani infortunato per un problema al quadricipite che lo ha costretto ad uscire anzitempo nel match contro la Renato Curi Angolana. Eclizietta, febbricitante, e Capparuccia, che ha avuto un risentimento alla schiena, sono gli altri acciaccati, ma si sono comunque allenati regolarmente e dovrebbero essere a disposizione per la sfida contro l’Astrea. In una giornata tanto importante per il mercato in uscita della Maceratese, sono ufficiali gli addii di Facciaroni (che raggiunge Traini e Tartabini al Porto Potenza), Bucci (Folgore Falerone) e Filiaggi (al Monticelli): i tre approdano così nel girone B del campionato di Promozione, mentre Biancucci si è accasato in Eccellenza al Grottammare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X