Fa il pieno con la carta della Croce Rossa
Volontario di 42 anni denunciato dai carabinieri

TOLENTINO - In poco tempo, utilizzando la fuel card dell'associazione, era riuscito a sottrarre circa 8000 euro di carburante
- caricamento letture

furto-carburante-in-a14-300x144Gli sembrava di aver trovato il  “Pozzo di S.Patrizio”, visto che effettuava fino a cinque prelievi di carburante in un giorno a spese della Croce Rossa di Tolentino. Ma non si è reso conto che la sua ingordigia lo avrebbe portato a commettere l’errore di esaurire quasi tutto il budget destinato all’acquisto del carburante per i mezzi dell’associazione, facendo così emergere il furto. Questo, in estrema sintesi, è quanto si è verificato tra i mesi di agosto e settembre presso il Comitato della Croce Rossa Italiana di Tolentino dove, un volontario, avendo scoperto il luogo dove veniva conservata la “fuel card”, ha pensato bene di sottrarla temporaneamente per poi riporla, di volta in volta, dopo aver fatto diversi prelievi di gasolio presso vari distributori in città e nei paesi limitrofi. Naturalmente effettuava i prelievi in modalità selfservice e in orari di chiusura delle stazioni di servizio, in modo da non poter essere riconosciuto, ed  anche perché le singole operazioni erano piuttosto sostanziose e non potevano servire per un semplice pieno della sua autovettura. Infatti, alcuni prelievi erano superiori anche a 100 litri e probabilmente riempiva anche delle taniche.  Il  “gioco” (molto proficuo) è andato avanti per oltre un mese, fino a quando, però, il conduttore di un mezzo della Croce Rossa, nell’effettuare un regolare rifornimento, non si è accorto che la fuel card era esaurita.  D’obbligo, quindi, le verifiche alla documentazione contabile; infatti, risultava che non erano documentati prelievi di importi tali da giustificare l’esaurimento del credito della fuel card. Il fatto è stato denunciato ai carabinieri di Tolentino che in pochi giorni hanno smascherato il volontario infedele, denunciandolo a piede libero alla Procura di Macerata. L’ammontare complessivo dei prelievi aveva raggiunto l’importo di 8000 euro circa. Ora l’uomo, un 42enne del posto, dovrà rispondere di furto aggravato.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X