Corvatta: “Non aumenteremo la Tarsu”
Ma c’è chi lancia l’allarme
dissesto finanziario

CIVITANOVA - Il sindaco in settimana illustrerà la manovra di bilancio. Intanto Raffaele Landolfo di Cultura e Legalità spiega i rischi che sta correndo il Comune: "Il primo obiettivo deve essere accorpare le cinque Partecipate in un'unica Multiservizi"
- caricamento letture

 

palazzo-sforza-bilancio

 

di Laura Boccanera

“Non aumenteremo la Tarsu”. E’ questa la buona notizia che emerge dalla riunione di maggioranza di ieri sera ed è il sindaco stesso a comunicarla senza però spiegare per ora nel dettaglio come sarà affrontato il tema “bilancio” che dovrà essere approvato entro il 30 ottobre prossimo. Lo spauracchio di un aumento della tariffa rifiuti era nell’aria, ma a mettere la parola fine alle supposizioni è il primo cittadino: “abbiamo scelto di lasciare invariate le tariffe e di cercare di reperire altrove le entrate che mancano nei capitoli di bilancio, in particolare andando ad intervenire nella lotta all’evasione. Dopo un lavoro tremendo, durato molti mesi, per il quale ringrazio l’assessore al bilancio Mengarelli, siamo riusciti a non aggravare i costi e a non colpire ulteriormente le tasche dei civitanovesi. Si tratta a mio avviso di un importante risultato. Nelle prossime settimane andremo nei quartieri a spiegare il bilancio faccia a faccia con la cittadinanza, nella maniera più semplice e concreta possibile, come è nostra abitudine. Ma prima spiegheremo nel dettaglio lo stato del bilancio comunale attraverso una conferenza stampa dedicata esclusivamente al tema, che si terrà questa settimana.”

Chi invece però sembra essere preoccupato per la situazione contabile del Comune è Cultura legalità e progresso, associazione politica che nelle scorse elezioni ha sostenuto Corvatta con la lista Democrazia e legalità. Raffaele Landolfo, funzionario della Ragioneria Generale dello Stato in pensione e membro dell’associazione, comunica che oltre alla situazione difficile per gli interessi dovuti al Cosmari (430mila euro di debito nei confronti del Consorzio) e per i 570mila euro di parcelle legali non messe in bilancio, il Comune sarebbe “ad un passo dal dissesto finanziario”. Un’urgenza da affrontare quanto prima secondo Landolfo, che è anche stato revisore dei conti del Comune di San Ginesio: ” La situazione è grave ma non irrisolvibile.Occorre senso di responsabilità accanto ad un vero cambio di mentalità anche interno dell’ apparato amministrativo, la giunta Corvatta deve operare con serenità in quanto è chiamata a scelte difficilissime e complesse che imporranno una revisione della spesa che sarà difficilissima e che durerà non meno di due anni. Come si capisce se un Comune è a rischio? E’ semplice basta guardare alcuni parametri finanziari – ci spiega Landolfo -, ad esempio i debiti fuori bilancio o il movimento di cassa e due milioni di euro sono una cifra enorme anche per un comune come Civitanova. La situazione si può risolvere, ma bisogna agire subito mettendo per esempio mano alle partecipate, cinque sono troppe, ci sono cinque Cda, 5 uffici tecnici, troppo sperpero, meglio un’unica multiservizi”.

Ma a Palazzo Sforza oggi è una giornata di grandi incontri e forse scelte strategiche: nel pomeriggio Corvatta rimetterà mano ai due progetti elefantiaci della storia cittadina. Nel primo pomeriggio ha incontrato i vertici della Quadrilatero insieme alla giunta e al nuovo segretario comunale Mariotti. Per la Quadrilatero c’erano Fabrizio Romozzi, direttore generale, insieme con i tecnici della società. Una riunione politica e non tecnica nella quale forse potrebbero essere rimesse in gioco scelte come il progetto del cavalcavia. E sempre nel pomeriggio Corvatta incontrerà anche gli eredi Ceccotti per ridiscutere di eventuali modifiche al progetto per quell’area e trovare un punto d’incontro con la proprietà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X