Partecipate: Cognigni all’Atac e Centioni alle farmacie?

CIVITANOVA - Intanto il sindaco Corvatta ribadisce il no sulle armi ai vigili
- caricamento letture
sindaco-corvatta.

Il sindaco Tommaso Claudio Corvatta

di Laura Boccanera

“Il SULPM vuole le armi? Sappia che non ho nessuna intenzione di armare i Vigili Urbani, e mai lo farò. Su questo argomento ho le idee chiarissime e non transigo”. Non fa passi indietro il sindaco Corvatta sul tema dell’armamento per la Polizia municipale dopo che il sindacato ha espresso la volontà di riaprire un tavolo di discussione (leggi l’articolo) su relazioni sindacali e su armamento e dopo le interrogazioni del consigliere Corallini. “Quello della tutela della sicurezza personale è un compito di enorme importanza, che viene svolto per legge da Polizia e Carabinieri. Armare anche i Vigili Urbani significherebbe creare delle inutili quanto pericolose sovrapposizioni”. Questa la motivazione del primo cittadino che riferisce anche di aver già concordato con il comandante civitanovese dei Carabinieri, il capitano Candelli, compiti e collaborazioni con i Vigili Urbani. “Questi ultimi svolgono un compito cruciale e nessuno lo nega – continua Corvatta –  ma corrono rischi minimi, e questa non è una previsione, ma un semplice dato di fatto surrogato da tutti i dati statistici.
Ricordo che tutti gli altri sindacati sono contrari all’utilizzo delle armi, che a Civitanova non sono mai state date in dotazione ai Vigili
Urbani, e così continuerò a fare. Dirò di più perchè il risparmio causato dal mancato acquisto delle armi permetterà di assumere quei Vigili Urbani stagionali – che saranno per la maggioranza giovani senza occupazione – necessari a decongestionare il lavoro del
corpo. Lavoro che nei mesi estivi cresce in maniera esponenziale.”

E dopo le polemiche di qualche settimana fa sulle nomine e sulla gestione delle partecipate Corvatta interviene ribadendo che la questione non è ai primi posti nelle priorità dell’amministrazione ma che a breve verrà fatto il nome del nuovo presidente dell’Atac: “come avevo detto ripetutamente in campagna elettorale, la sistemazione dei consigli di amministrazione delle aziende partecipate civitanovesi viene dopo questioni più gravose, come lo studio del bilancio comunale e la messa in moto di Popsophia, per la quale avevamo tempi strettissimi, e che ha costretto il sottoscritto, l’assessore Silenzi e lo staff del festival ad un super lavoro. In questi giorni ho cominciato ad occuparmi dell’Atac, perché tra le aziende controllate dal comune svolge uno dei compiti più importanti. Con il recente acquisto del mattatoio, l’Atac ha avuto un significativo aumento di capitale. Si è trattato di un evento molto positivo, che ha stabilizzato e permesso all’azienda civitanovese di ottenere nuovi importanti crediti bancari. Questo fatto, unito alla gara per l’appalto della distribuzione del gas, che avverrà a breve, mi ha convinto ad accelerare le decisioni da prendere in ordine al rinnovamento dei vertici societari, al fine di mandare un segnale di continuità e stabilità al mondo del lavoro e dell’imprenditoria. Colgo l’occasione per ribadire che il presidente Angeletti ha lavorato bene, e lo ringrazio per questo. Il nuovo presidente sarà nominato a breve. Sin da oggi garantisco personalmente tutti i civitanovesi che, vista la delicatezza e il prestigio dell’incarico, il nuovo presidente sarà una persona di grande spessore umano e di grande competenza specifica nel settore. Il rinnovo dei consigli di amministrazione delle altre aziende partecipate sarà trattato a seguire uno dietro l’altro, entro tempi ragionevoli.” Ai primi posti fra i “papabili” per l’Atac si fa il nome di Sergio Cognigni, consigliere del Pd già tra le file dell’opposizione nella scorsa amministrazione. Rimangono da sciogliere le presidenze di Mercato ittico e Farmacie comunali. Tra i favoriti a prendere il posto di Ottavio Brini c’è Carlo Centioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X