L’appello per il ricambio nel Pd

Leonardo Catena, responsabile provinciale organizzazione del Pd lancia la proposta di primarie per i parlamentari, la sottoscrivono Morgoni, Berdini, Scoccianti, Prugni, Capezzani, Rilli, Santini, Garofolo, e tantissimi coordinatori dei circoli e amministratori della provincia di Mc
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

leonardo-catenaDa Leonardo Catena (Responsabile Organizzazione Pd Provincia di Macerata) riceviamo e pubblichiamo:

Qualche giorno fa la federazione pesarese del Pd con la voce del suo segretario Marchetti ha avanzato l’idea di scegliere i prossimi parlamentari del Pd attraverso lo strumento delle primarie. Ritengo che anche la federazione maceratese debba sostenere questo proposito dando il proprio convinto sostegno affinché questa richiesta non cada nel vuoto. Si tratta di mettere al primo posto gli elettori, affidando loro il potere di scegliere direttamente da chi farsi rappresentare in Parlamento, a prescindere dalla vergognosa legge elettorale in vigore (il Porcellum) che ha prodotto lo scilipotismo e trasformato il senso della partecipazione democratica.  Penso anche che si debba dare un segnale chiaro agli italiani: dimezzare i parlamentari e i loro stipendi  per dare concretezza e coerenza all’ idea di una politica al servizio del bene comune,  ed eliminare tanti insopportabili  privilegi a partire da quello dei vitalizi che ne rappresentano il simbolo più odioso.  La credibilità della classe politica passa anche attraverso un processo di forte ricambio tra le fila del Partito Democratico. Qui non si tratta di ingenuo nuovismo o giovanilismo, ma di un sano e necessario ricambio generazionale legato ad un nuovo modo di vivere la politica, di certo non come una professione da svolgere per tutta la vita, e di una nuova visione della società che si vuol contribuire a costruire con nuove idee e progetti. Con la fine del berlusconismo alle porte e il fronte di destra disgregato più che mai, con il crollo del PdL e il declino leghista, ritengo che si apra una grossa occasione per il Partito Democratico nella nostra provincia e nel resto del Paese. Non ci possiamo permettere di sprecare  questa nuova occasione per rinnovare la politica e aprirci alla società. Abbiamo di fronte un paese stanco e impaurito che guarda con sfiducia e preoccupazione al futuro. Di fronte alla crisi di un governo populista e incapace di risollevare il Paese, serve un salto di qualità da parte del Partito Democratico. La gente ci chiede di cambiare, cambiare modi di fare politica, una politica arroccata e autoreferenziale. Serve un PD che  smetta di logorarsi in contrasti intestini fondati su correnti costruite più per alimentare percorsi carrieristici dei pochi che non per dibattere sulle questioni politiche che hanno risvolti concretissimi per la vita delle persone. Se qualcuno finge di non comprendere la forte richiesta che emerge dall’opinione pubblica allora dobbiamo essere noi a far capire bene che non sono più tollerabili i privilegi delle classi dirigenti.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X