La Maceratese getta al vento la vittoria,
col Montecchio finisce 0-0

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Petrucci-1-300x200

L'esterno della Maceratese Petrucci

di Filippo Ciccarelli

Una partita a senso unico. Questo recita il tabellino e la cronaca a referto sul taccuino; una partita che ha visto il Real Montecchio giocare di rimessa, manovrare meglio della Maceratese nel primo quarto d’ora del primo tempo ed avere qualche fiammata nei minuti iniziali della ripresa, ma che la Maceratese ha gettato al vento senza capitalizzare le occasioni costruite. I biancorossi erano privi di Bonsignore e Cacciatori, con Trillini, Petrucci e Iuvalè non in condizioni fisiche precarie a causa di infortuni di diversa natura; eppure hanno giocato la miglior partita dell’anno disputata all’Helvia Recina. Paradossale quindi l’assenza degli attaccanti proprio nella domenica in cui sono fioccate le possibilità di segnare. In ogni caso mister Sabbatini sceglie di nuovo la soluzione Grcic-Gigli per la mediana, con Leopardi e Iuvalè sugli esterni; davanti la coppia Petrucci-Testa, provata in amichevole contro la Jesina a Filottrano. In difesa spazio per Borgiani e Romagnoli sugli esterni, con la coppia centrale composta da Del Moro e Benfatto.

La cronaca: si comincia subito forte, con una punizione di Grcic dopo 40 secondi che però non impensierisce De Juliis. Nessun problema per l’estremo difensore del Real Montecchio nemmeno al minuto 8, quando Petrucci dribbla due avversari e penetra in area di rigore, concludendo però debolmente in porta.  Al 16’ l’unico tiro del Real Montecchio nella prima frazione, con Panisson, che peraltro calcia alto senza trovare lo specchio della porta difesa da Cavaliere.
Al 29’ Testa riceve da Iuvalè e riesce a girarsi in area di rigore, ma conclude in modo fiacco addosso a De Juliis che blocca il pallone. Lo stesso De Juliis non è impeccabile al 40’, quando si fa prendere il tempo da Iuvalè che lo scavalca con un colpo di testa, anticipando l’uscita del numero 1 ospite; il pallone danza pericolosamente di fronte alla porta sguarnita, ma il Real Montecchio si salva spazzandolo lontano. Nel secondo tempo è però Veirani a suonare la sveglia; il centrocampista trova al 4’ una conclusione potente e precisa da fuori area,  ma Cavaliere risponde mettendo in calcio d’angolo un pallone che stava infilandosi sotto la traversa compiendo un autentico miracolo. È di nuovo Cavaliere a salire in cattedra sette minuti dopo, anticipando di pugno Todescato lanciato a rete. Nell’occasione i due si scontrano ed il giocatore del Real Montecchio rimane a terra, ma l’arbitro non fischia nulla.

Al 14’ azione personale di Petrucci che entra in area e calcia di poco alto sopra la traversa; ancora Petrucci prende l’iniziativa al 18’ con un bolide da fuori area, respinto in corner da De Juliis. Sugli sviluppi del calcio d’angolo il pallone arriva a Gigli, che da fuori area conclude a fil di palo con un destro potentissimo. La Maceratese continua a macinare gioco, anche grazie allo spostamento di Grcic in posizione più avanzata, quasi da trequartista. Il croato ha spinto molto ed è stato successivamente spostato sulla fascia, per poi finire il match quasi da terza punta aggiunta; al 21’ Romagnoli confeziona un bel cross dalla destra, il pallone viene colpito da Testa in rovesciata e trova la risposta di De Juliis.

Al 23’ Testa si divora un goal fatto; l’assist di Grcic viene sporcato da Marongiu, che con la punta del piede smarca inavvertitamente Testa solo di fronte a De Juliis. L’under biancorosso però conclude con un potente tiro a giro sul palo lontano che finisce altissimo, sprecando quello che poteva essere il match point per portare in cascina i 3 punti. Da segnalare che l’azione era stata cominciata grazie ad un break di Gigli a centrocampo, con l’ex giocatore della Cingolana che è andato a prendere un pallone in mezzo a due avversari, lo ha difeso ed è ripartito resistendo alle cariche degli avversari, dando il la alla più bell’azione vista quest’oggi all’Helvia Recina.

Per rivedere il Real Montecchio bisogna attendere il 40’, con un contropiede concluso malamente da Campo, che calcia da fuori area molto lontano dalla porta difesa da Cavaliere.

La porta degli ospiti rimane comunque stregata per la Maceratese, che ha due ultime occasioni con Eclizietta; nella prima il talentuoso under della Maceratese ha un controllo sfortunato in area di rigore e colpisce il pallone con la faccia, riuscendo poi ad ottenere il calcio d’angolo. Nella seconda, avuta al 48’, Eclizietta conclude una mischia con un tiro che si sarebbe insaccato alle spalle di De Juliis se non fosse stato per la deviazione in extremis di un difensore del Real Montecchio.

Finisce così una partita in cui la Maceratese avrebbe meritato di gran lunga la vittoria; la squadra è stata applaudita dal pubblico presente ed ha dato un segnale importante in vista del derby contro il Tolentino che si preannuncia caldissimo. Da segnalare l’ottima prestazione di Gigli, che ha dato ordine e quantità al centrocampo, mettendo in mostra anche una buona tenuta dal punto di vista fisico, la prova convincente di Borgiani in fascia ed anche gli 0 goal subiti dalla Maceratese, anche oggi ben protetta da Cavaliere. Il portiere campano, che era rimasto fermo nel corso di questa stagione, sta avendo un impatto significativo nell’economia della squadra, che oggi ha costretto allo stop ed ha “rischiato” di battere la quinta forza del campionato.

Nel post gara Sabbatini commenta così il pareggio ottenuto contro il Real Montecchio: “Peccato perché abbiamo fatto una buona prestazione, al di là dei primi 20 minuti in cui dovevamo trovare gli equilibri. I giocatori oggi hanno fatto un grosso sforzo, tra quelli febbricitanti e quelli che tornavano dagli infortuni, avremmo sicuramente meritato sul campo i tre punti. Quest’anno dobbiamo lottare ancora, ma se la squadra continua a migliorare come sta facendo settimana dopo settimana credo che ci salveremo, servono sacrificio ed umiltà”.

Come mai ha avanzato Grcic nel secondo tempo?

“Grcic l’ho avanzato perché cercavamo di trovare la soluzione sulla palla alta, abbiamo provato tutto quello che era possibile provare in base alle nostre caratteristiche tecniche, Grcic è stato spostato come quarto alto a sinistra poi quasi come un’altra punta, perché a quel punto lì si cercava di arrivare in porta con la palla lunga”.

Cosa dice di quel goal sbagliato da Testa da posizione favorevolissima?

“Mah, io credo che lui abbia avuto soltanto la non lettura della giocata. Se avesse stoppato la palla invece di tirare a colpo sicuro probabilmente avrebbe fatto goal. Nel momento in cui è andato a calciare la palla ha avuto un rimbalzo strano e questo ha influito sull’esito del tiro”.

Un’ultima domanda sulle condizioni dei suoi ragazzi; Bonsignore dovrebbe esserci a Tolentino perché ha scontato la squalifica, come sta Cacciatori?
“Ha un piccolo problema muscolare, speriamo di recuperarlo per Tolentino perché per noi è un giocatore importante”.

***

MACERATESE: Cavaliere 7, Romagnoli 6.5, Borgiani 6.5 (29’ st Trillini n.g.), Grcic 6.5, Del Moro 6.5, Benfatto 6, Petrucci 7 (40’ st Eclizietta n.g.), Gigli 7, Testa 5, Leopardi 6, Iuvalè 6. A disposizione: Martinelli, Sgalla, Romanski, Tartuferi, Capeti. All. Sabbatini.

REAL MONTECCHIO: De Juliis 6.5, Marongiu 5.5, Vezzosi 6.5, Panisson 6 (24’ st Della Chiara n.g.), Fattori 6.5, Ercoli 6, Vaierani 6.5, Paoli 6, Montanaro 5.5, Todescato 6 (37’ st Campo n.g.), De Angelis 6. A disposizione: Allegrini, Cariani, De Vincenzi, Olivieri, Pandolfi. All. Tresoldi.

Arbitro: Cudini di Fermo.

Note: Ammoniti Romagnoli e Benfatto. Calci d’angolo 8-1 per la Maceratese. Recuperi: 2’ + 4’.

Spettatori: 250 circa.

FOTO DI GUIDO PICCHIO



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X