facebook twitter rss

Il babbo si improvvisa ginecologo
E Cecilia nasce sul divano di casa

Un parto d'altri tempi a Macerata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
495 Condivisioni

di Alessandra Pierini

La piccola Cecilia ha le idee chiare ancora prima di  venire al mondo, voleva nascere a casa sua. E così è stato. Questa mattina la mamma Vanessa Stefani, 33 anni, maceratese residente in via Medaglie d’Oro, giunta al termine del periodo di gestazione, ha sentito qualche leggero dolore  al quale non ha dato troppa importanza. Alle 7,30 si è accorta che i dolori aumentavano e stava arrivando  il momento fatidico del parto. In men che non si dica le doglie sono aumentate e la giovane, già mamma della piccola Sofia, non ha avuto il tempo di far niente. Ha tentato di raggiungere l’auto per arrivare in Ospedale ma si è subito accorta che non ci sarebbe riuscita e che le doglie stavano aumentando. Si è appoggiata sul divano di casa, intanto sono cominciati ad arrivare nonni e zii della nascitura che erano stati avvertiti. Immediatamente è stata avvisata anche la Croce Verde di Macerata.

Intanto il “quasi” babbo Paolo Colagiacomi si è improvvisato ginecologo e, in contatto diretto con la ginecologa, quella vera, che dava tutte le indicazioni sul da farsi, ha fatto nascere la sua bambina sul divano di casa. “E’ stato proprio un momento indimenticabile. La mia bambina aveva una gran fretta di nascere e ora non ha neanche mangiato. E’ stato un parto come si faceva una volta, in casa e con tutte le persone care vicino.” ci dice la neo mamma. Cecilia è nata alle 8,28 con l’assistenza dei sanitari i quali poi hanno condotto mamma e figlia all’Ospedale di Macerata per il ricovero.
Vanessa è già in piedi e anche la sua piccola Cecilia sta benissimo. E’ un batuffolino vestito di rosa e dorme beata nella sua culletta dell’Ospedale di Macerata.
Quella di Cecilia sembra una storia di altri tempi che ci riporta indietro di almeno cinquant’anni ma che fa riflettere. La medicina ha fatto passi da gigante ma la natura non smentisce mai la sua potenza inaudita e la piccola Cecilia ha capito da sola come doveva nascere, semplicemente seguendo l’innato insegnamento dell’istinto.

(Foto di Guido Picchio)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X