Ucciso dal Bobcat, dolore a Visso:
«Davide era amico di tutti».
Lo zio indagato per omicidio colposo

TRAGEDIA - Davide Gentili ha perso la vita ieri, schiacciato dal mezzo che stava facendo retromarcia. La procura ha aperto un'inchiesta e disposto l'autopsia. I messaggi per il 45enne: «Ti volevamo tutti un mondo di bene»

- caricamento letture
morto-visso-650x488_censored-1

Gli accertamenti sul luogo della tragedia

di Gianluca Ginella e Monia Orazi

Morto schiacciato da un Bobcat, la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e indagato lo zio di Davide Gentili, Pietro Cardurani, che si trovava alla guida del mezzo che ha investito il 45enne. Cardurani è anche titolare della omonima ditta di scavi di Visso dove ieri è avvenuto l’incidente e di cui Davide era dipendente. La procura ha disposto l’autopsia: si svolgerà giovedì. Parallelamente al fronte delle indagini, condotte dallo Spsal dell’Ast (ieri sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della Compagnia di Camerino), coordinate dal pm Enrico Barbieri, c’è quello del dolore per la morte del 45enne. A Visso tanti sono increduli per la tragedia avvenuta alle 13,30 di ieri quando lo zio di Davide, nel fare manovra con il bobcat, nel fare retromarcia, lo ha investito.

davide-gentili

Davide Gentili

Una tragedia troppo grande per essere contenuta nel semplice silenzio e cordoglio di una comunità duramente provata dal sisma, ma unita nella reciprocità del vivere quotidiano. In tanti in queste ore si stanno stringendo intorno al fratello Maurizio e a sua moglie, devastati dal dolore. I due fratelli erano inseparabili, Davide come suo fratello era impegnato nella banda cittadina e nella Protezione civile locale. Erano sempre uniti, presenze immancabili nelle feste e nelle occasioni pubbliche di Visso, pronti con la loro cordialità a dare una mano. Davide viene ricordato da tutti come un uomo sempre sorridente, sempre pronto a scambiare due battute.

Sui social sono tanti i messaggi che lo ricordano. Giada Vittorini ricorda che con Davide «Siamo cresciuti insieme, vicini di casa per una vita. Ricordo i giri in bici le partite a carte le sere d’inverno davanti al camino, i Natali e i capodanni passati tutti insieme, le sciate dietro casa con il bob. E quando con la bici siamo caduti nel fiume e tantissime altre avventure insieme.

Immagine-WhatsApp-2023-12-04-ore-16.15.17_08e02ed3-650x488

Lo stabilimento dove è avvenuto l’incidente

Poi le strade inevitabilmente ci hanno allontanato ma l’affetto è sempre rimasto da entrambi le parti, ogni volta che ci vedevamo ci si fermava a fare due chiacchiere e ricordare un po’ i vecchi tempi, sempre gentile e disponibile. Dai la forza a tuo fratello Maurizio di affrontare questo immenso dolore».
Anche il consigliere comunale Mirco Loretoni ha avuto parole di cordoglio: «Una disgrazia per la nostra comunità, l’amico di tutti. Ci mancherai». «È un dolore grande, ci hai lasciati troppo presto – Maria Giovannini -. Ti volevamo tutti un mondo di bene, perché sei stato sempre un bravo ragazzo, non ti dimenticheremo mai».

Il funerale sarà fissato una volta che verrà svolta l’autopsia, fissata per giovedì. Il pm Enrico Barbieri ha affidato l’accertamento al medico legale Roberto Scendoni e al tossicologo Rino Froldi. Nel fascicolo è stato indagato lo zio che manovrava il bobcat, gli viene contestato l’omicidio colposo. Il mezzo è stato sequestrato.

visso-incidente-mortale

 

Travolto dal Bobcat guidato dallo zio, operaio muore a 45 anni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X