Uccide la madre a colpi di forbici
e prova a darle fuoco: arrestato

OMICIDIO A SAN SEVERINO - La vittima, Maria Bianchi, aveva 84 anni. E' stata colpita prima sul letto poi in bagno dove il figlio, Michele Quadraroli, ha tentato di bruciare il corpo. La sindaca Piermattei: «Un fatto orribile che inorridisce, siamo tutti sotto choc»
- caricamento letture
omicidio-san-severino5-1-650x402

I rilievi dei carabinieri nella casa dove è avvenuta la tragedia

Aggiornamento delle 21,25 – In serata, Michele Quadraroli, 56 anni, è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso la madre, Maria Bianchi. 

***

di Marco Cencioni (foto di Federico De Marco)

Tragedia a San Severino, anziana uccisa in casa, il figlio portato in caserma. E’ successo poco dopo le 14, in via Raffaele Sanzio, all’incrocio con via Dante Alighieri. La vittima, Maria Bianchi, aveva 84 anni. 

omicidio-san-severino6-325x217Secondo le prime informazioni che trapelano, la donna sarebbe stata uccisa dal figlio, Michele Quadraroli, di 56 anni. Sembrerebbe che l’uomo, in cura per problemi psichici, abbia colpito ripetutamente la madre con un paio di forbici, infierendo sul volto della donna, per poi tentare di darle fuoco. Il delitto è iniziato in camera da letto per poi proseguire in bagno, dove è stato trovato il corpo della vittima. Una dinamica particolarmente efferata da cui emergono anche particolari macabri. A lanciare l’allarme un medico che ha in cura il 56enne. Quando è arrivato il 118, i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. L’uomo è stato prima portato in ospedale, poi in caserma, raggiunto dal suo avvocato, Laura Antonelli, per essere interrogato.

Sul posto i carabinieri, con il maggiore Giulia Maggi, comandante della Compagnia di Tolentino e i reparti Investigativo e Operativo per i rilievi scientifici, e il medico legale Antonio Tombolini. Le indagini sono coordinate dal pm Vincenzo Carusi. Secondo gli inquirenti come arma del delitto sono state utilizzate le forbici rinvenute all’interno dell’abitazione. 

Il figlio, con l’aiuto della madre, gestiva un bar di quartiere proprio sotto l’abitazione dove è avvenuta la tragedia, il bar Bianchi Maria. 

maggi-san-severino

Sul posto Giulia Maggi, comandante della Compagnia carabinieri di Tolentino

«Un fatto orribile che inorridisce per le modalità con cui si è consumato ma anche per il fatto che si è consumato in casa, tra le mura domestiche, in un luogo che dovrebbe invece assicurare protezione e dare tranquillità – le parole della sindaca di San Severino Rosa Piermattei – La nostra comunità è una piccola comunità, dove ci si conosce un po’ tutti, ed ora siamo tutti sotto choc per questa ennesima violenza. Siamo tutti sconvolti per un episodio di violenza domestica che rimanda ad altri episodi accaduti di recente ma anche nel passato».

 

 

omicidio-san-severino3-650x434

omicidio-san-severino5-650x434

omicidio-san-severino6-1-650x405

omicido-san-severino8-650x435

omicidio-san-severino4-650x434

san-severino-omicidio

omicidio-san-severino-e1669567075833-650x451

san-severino-omicidio

omicidio-san-severino1-650x365



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X