Quattro artisti del Novecento
dialogano a Palazzo Ricci
«E’ l’evento clou dell’estate»

MACERATA - La Fondazione Carima ha presentato questa mattina la mostra che vedrà protagonisti Primo Conti e Francesco Messina, lo jesino Betto Tesei e il petriolese Diego De Minicis. Colonna sonora sarà la Riderella di Lino Liviabella e sullo sfondo le foto del fondo Balelli. La presidente Rosaria Del Balzo: «Perchè andare lontano prima di conoscere quanto abbiamo vicino?»
- caricamento letture
PalazzoRicci_FF-1-325x217

La presentazione della mostra. Da sinistra il segretario della Fondazione Gianni Fermanelli, la presidente Rosaria Del Balzo Ruiti e il direttore artistico Roberto Cresti

 

di Alessandra Pierini (foto di Fabio Falcioni)

Immaginate di essere in una sala di Palazzo Ricci a Macerata negli anni Venti e Trenta del Ventesimo secolo, in compagnia di quattro artisti Francesco Messina e Primo Conti, noti al grande pubblico, lo jesino Betto Tesei e il petriolese Diego De Minicis, che dialogano tra loro, osservando le foto del fondo Balelli e ascoltando un brano del musicista maceratese Lino Liviabella. E’ questa la suggestione che la Fondazione Carima vuole donare con la mostra Quattro nel ‘Novecento’ che aprirà i battenti giovedì 16 luglio e proseguirà fino al 2 ottobre.
«Questo è l’evento clou dell’estate – ha detto Rosaria Del Balzo Ruiti, presidente della Fondazione Carima – Perchè andare lontano prima di conoscere quanto abbiamo vicino? Vedrete che questa mostra sarà una bella sorpresa». Con questo filo conduttore e con l’obiettivo di far vivere il Museo di Palazzo Ricci, facendo uscire le opere dai magazzini perchè il territorio ne goda, è nata questa mostra che vede il cinvolgimento di diversi enti e artisti.

DelBalzo_PalazzoRicci_FF-3-325x217

La presidente Rosaria Del Balzo Ruiti

Partiamo dalla musica. Colonna sonora sarà Riderella, di Liviabella appunto, interpretata a quattro mani dal maestro Massimo Paolella e dalla sua collega: «In particolare – ha spiegato il maestro –  questo pezzo è una fiaba musicale che narra di una sorgente che vuole andare al mare e chiede al fiume di portarla. Una volta arrivata, vede tante cose nuove e grandi ma si pente perchè le manca il suo mondo fatto di piccole cose. Magnanimo il sole la trasforma in una nuvola e la riporta nel suo piccolo mondo».
E’ in questo humus che si collocheranno le opere dei maestri Primo Conti e Francesco Messina (l’autore del Cavallo morente davanti alla sede Rai di Roma per intenderci) e quelle di Betto tesei e Diego De Minicis, tutti parte del “Novecento Italiano”, uno dei principali movimenti artistici del secolo scorso guidato dalla scrittrice e critica d’arte Margherita Sarfatti, per vent’anni amante di Mussolini.
«Lavoriamo per far vedere quello che c’è già – ha detto Roberto Cresti, direttore artistico del museo e curatore della mostra, che ha poi parafrasato un verso della poesia Alla Luna di Giacomo Leopardi – care Marche, belle Marche, io venia senza angoscia a rimirarvi».
Tante si diceva le collaborazioni per una mostra prodotta e aofferta alla comunità. La prima con il Comune di Petriolo che ha messo a disposizione le opere di de Minicis, con un simbolico passaggio di testimone che vedrà  al termine della mostra di Palazzo Ricci, l’inaugurazione del museo dedicato all’artista nella sua città di origine. «I marchigiani – ha detto il sindaco Matteo Santinelli – sono gelosi e custodi dei loro tesori. bene valorizzarli ma è anche il momento di condividere e lavorare insieme».

Cresti_PalazzoRicci_FF-8-325x217

Roberto Cresti

C’è poi Palazzo Pianetti con le opere di Betto Tesei e ancora la Fondazione Balelli, rappresentata questa mattina, durante la presentazione, da Emanuela Balelli, figlia di Carlo. «Carlo Balelli  – ha detto – è il nostro 900 fotografico. Mio padre mi raccontava delle sue chiacchierate con artisti di Macerata dell’epoca come Sante Monachesi, Bruno Tano. Questa mostra mi fa pensare che gli artisti del Novecento nelle sale di Palazzo Ricci continuino a incontrarsi e chiacchierare di arte e fotografia».
La mostra sarà inaugurata venerdì 13 luglio alle 18. Resterà aperta dal martedì al sabato dalle 16 alle 19. Domenica e festivi apertura 10-13 e 16-19. Lunedì chiuso. Visita libera gratuita.
Per informazioni e visite guidate su prenotazione contattare il numero 0733202942 o via mail meridiana.mc@gmail.com.

PalazzoRicci_FF-6-650x434

In platea il maestro Maurizio Paolella e il sindaco di Petriolo Matteo Santinelli

Balelli_PalazzoRicci_FF-5-650x434

In prima fila Emanuela Balelli

paolella_balzo

Il maestro Paolella

santarelli_balzo

Il sindaco Matteo Santinelli



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X