«Macero Maceratese è stata la nostra vita,
la vendita per dare continuità all’azienda»

MACERATA - L'intervista a Enrico Iesari, titolare dell'impresa che ha ceduto il 70% delle quote a Hera. Dai cinquanta milioni di lire degli inizi nel1969, ai quindici milioni di euro di fatturato dello scorso anno. Una storia di famiglia, tra sacrifici, successi e il dolore per la scomparsa di uno dei fratelli
- caricamento letture
mario_iesari-e1656755813746-325x308

Enrico Iesari

di Luca Patrassi

Si fa presto a scrivere la notizia della cessione del 70% della Macero Maceratese a Marche Multiservizi, partecipata del gruppo Hera. La nota informativa è stata chiara ed efficace nei suoi aspetti tecnici, chi passa cosa a chi, cosa rimane, le aspettative di crescita relativamente ai fatturati, i risvolti occupazionali.

Il vantaggio di vivere in provincia consiste anche nella possibilità di collegare un’azienda a un nome, nel caso della Macero Maceratese a due, sono i fratelli Enrico e Liana Iesari, fino a poco tempo fa contitolari della  appena citata azienda maceratese che si occupa della gestione dei rifiuti industriali.

macero-maceratese1-325x169E’ Enrico Iesari a raccontare le motivazioni di una scelta. «La motivazione principale è che vogliamo dare continuità all’azienda, noi ci stiamo invecchiando, ho 67 anni ed ho iniziato a fare questo lavoro quando ne avevo 14, l’azienda è nata da una idea di mio padre Mario che recuperava carta da macero, poi si è evoluta ed eccoci qua. Siamo arrivati a un punto tale che non potevamo che guardarci intorno per dare continuità all’azienda, per avere ancora la soddisfazione di vederla andare avanti. Noi saremo ancora in azienda per i prossimi due o tre anni, sono già stati inseriti dei tecnici validi, si va avanti. Gli attuali livelli occupazionali saranno garantiti, anzi i piani prevedono uno sviluppo graduale negli attuali stabilimenti, sia a Macerata che a Martinsicuro». Uno sguardo al futuro dell’azienda, ma anche uno indietro, a quello che si lascia: «Mi dispiace, ci ho passato una vita, ma bisognava dare continuità, la cosa peggiore sarebbe stata quella di far finire l’azienda». Una storia di successo segnata da un momento tragico. «A settembre del 2019 è morto nostro fratello Giovanni ed anche questo è uno degli elementi che ci ha portato alla decisione di oggi».

macero-maceratese

La Macero Maceratese

Sono passati tanti anni dagli esordi, da una intuizione rivelatasi di successo anche per i  fatturati. «Posso dare questo riferimento: nel 1969 fatturavamo circa cinquanta milioni di lire, il 2021 lo abbiamo chiuso con 15 milioni di euro, con 38 addetti nei nostri stabilimenti produttivi. L’azienda resterà nei territorio in cui opera, rimarrà maceratese, i livelli occupazionali saranno mantenuti e non può essere diversamente perché la nostra è un’azienda specializzata, fornita delle tecnologie più avanzate per fare certe attività».

Macero Maceratese passa a Hera: ceduto il 70% della società



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =