Aggredisce titolare di un bar,
poi fa resistenza ai carabinieri: arrestato

TOLENTINO - I fatti sono avvenuti al bar Le Grazie, spintonata anche una barista. Un 35enne è finito in manette per resistenza e lesioni ai militari. Questa mattina si è svolta la direttissima al tribunale di Macerata, l'uomo starà agli arresti domiciliari
- caricamento letture

 

carabinieri-archivio-cc-arkiv-117

 

Aggredisce titolare di un bar e una barista, quando intervengono i carabinieri oppone resistenza: arrestato un 35enne albanese, che vive a Caldarola. I fatti sono avvenuti intorno alle 20 di ieri sera a Tolentino. È al bar Le Grazie che i carabinieri della stazione di Belforte sono intervenuti dopo l’sos ricevuto per l’aggressione al titolare del bar (l’uomo è stato soccorso dal 118). Quando i carabinieri sono arrivati l’uomo ha riferito di essere stato colpito con due testate da un cliente, senza un motivo. Non solo, il cliente avrebbe anche strattonato e spintonato una barista. Il presunto aggressore i carabinieri lo hanno trovato davanti al locale. Il 35enne si è rifiutato di dare i documenti ai carabinieri e ha invece cercato di tornare dentro al bar.

vanni-vecchioli

L’avvocato Vanni Vecchioli

I militari gli hanno chiesto di seguirli in caserma (nel frattempo sul posto è arrivata anche una seconda pattuglia dei carabinieri) ma l’uomo a quel punto ha aggredito gli uomini dell’Arma, torcendo un braccio ad un militare ed un dito ad un secondo (hanno riportato due giorni di prognosi). Inoltre li ha insultati e minacciati. A quel punto è stato bloccato e arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni ai due carabinieri.

In mattinata si è svolta la direttissima al tribunale di Macerata. L’uomo, assistito dall’avvocato Vanni Vecchioli (in sostituzione del legale Giancarlo Giulianelli) si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ha comunque tenuto a scusarsi e a precisare che lui non è tipo da avere comportamenti come quello di questa notte. L’udienza si è svolta davanti al giudice Federico Simonelli. L’accusa è stata sostenuta dal pm Francesca D’Arienzo che ha chiesto e ottenuto gli arresti domiciliari per il 35enne. Il giudice ha convalidato l’arresto. L’udienza è stata rinviata al 16 dicembre.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X