«Rapinatori in trasferta dalla Puglia
accerchiati a Porto Recanati
Stavano per ripartire col furgone»

I DETTAGLI dell'operazione lampo dei carabinieri della Compagnia di Civitanova, che ha permesso di arrestare due uomini di 35 e 36 anni del Leccese. Tre i colpi che vengono contestati, due andati a vuoto e uno a segno tra Montecosaro, Montelupone e Potenza Picena. Il colonnello Candido: «Siamo stati interessati da un fenomeno non così consueto nel nostro territorio»
- caricamento letture

 

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-4-650x433

Il tenente Alfredo Russo, comandante del Norm di Civitanova, il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Nicola Candido e il comandante della Compagnia di Civitanova, capitano Massimo Amicucci

 

 

di Laura Boccanera (foto di Federico De Marco)

Dalla rapina alle manette in poco più di 24 ore. Erano in trasferta criminale nelle Marche dalla Puglia dove vivono, nel leccese, i due malviventi che tra sabato e domenica hanno tentato, riuscendoci in un caso, tre rapine ai danni di due tabaccherie e di un supermercato tra Montecosaro, Montelupone e Potenza Picena. Uno dei due conosceva bene la zona perché aveva vissuto nelle Marche in una comunità in passato.

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-2-325x217

Le armi e i passamontagna usati dai rapinatori

I carabinieri hanno concluso ieri pomeriggio una brillante operazione, riuscendo nel giro di poche ore ad arrivare agli autori dei raid messi a segno tra sabato e domenica. I rapinatori sono stati presi in centro a Porto Recanati mentre stavano facendo ritorno al furgone, risultato rubato venerdì sera in provincia di Lecce. A rendere noti i dettagli dell’operazione questa mattina nella caserma della Compagnia carabinieri di Civitanova il comandante provinciale, colonnello Nicola Candido, il comandante del Radiomobile di Civitanova, tenente Alfredo Russo e il comandante della Compagnia di Civitanova Massimo Amicucci. «Siamo stati interessati da un fenomeno non così consueto nel nostro territorio – ha riferito il colonnello Candido – sin dall’allarme di Montecosaro il comando provinciale si è mobilitato col piano antirapina e abbiamo ottenuto il risultato». La scorribanda criminale dei due responsabili, due leccesi di 35 e 36 anni A. C. e L. F. è iniziato venerdì sera quando hanno rubato il furgone Fiat Qubo in Puglia e con quello si sono diretti verso il Maceratese. Entrambi hanno precedenti specifici in Puglia e sono ospiti di una comunità da cui erano scappati. Una volta nelle Marche hanno prima tentato di rapinare sabato il tabaccaio Luciano Porrà di Montecosaro, ma la reazione di questo li ha messi in fuga.

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-5-325x217

Il capitano Massimo Amicucci

«Già da sabato siamo partiti con il piano antirapina con posti di blocco lungo le diverse diramazioni all’interno della provincia – ha aggiunto il capitano Amicucci – avevamo all’inizio le iniziali della targa e alla fine siamo risaliti a questo Fiat Qubo di colore azzurro risultato rubato la sera prima in provincia di Lecce. Quando poi ci hanno riprovato con Potenza Picena e a distanza di 7 minuti a Montelupone abbiamo stretto le maglie e grazie anche alle telecamere stando dietro al furgone siamo risaliti a loro riuscendo ad accerchiarli a Porto Recanati». Domenica mattina infatti i due leccesi avevano tentato un altro colpo in un supermercato di Potenza Picena e sempre dietro la minaccia del coltello hanno chiesto alla cassiera di aprire la cassa. La donna si è allontanata e i due non sono riusciti ad aprire il registratore di cassa e sono stati costretti alla fuga dalla reazione di alcuni clienti. L’unico colpo a segno poco dopo a Montelupone dove in una tabaccheria sono riusciti a portare via poco più di 450 euro. Come passamontagna avevano utilizzato una polo bianca sulla quale avevano ritagliato i due occhi e erano armai di due coltelli. I carabinieri alla fine hanno intercettato attorno alle 15 il furgone in centro a Porto Recanati e hanno atteso il ritorno dei due malviventi. Quando si sono verificate le condizioni di sicurezza li hanno fermati e identificati. Non hanno opposto resistenza. «Si trovano al momento in carcere a Montacuto come persone indiziate di delitto – ha concluso il tenente Alfredo Russo, a disposizione del pm Vincenzo Carusi».

Presi i rapinatori di Montelupone, hanno colpito anche a Potenza Picena

Armato di coltello rapina bar tabaccheria

Tentano rapina in tabaccheria, il proprietario li mette in fuga: «Non so come ma ho reagito»

 

 

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-6-650x433

Il comandante provinciale, colonnello Nicola Candido

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-3-650x433

Il tenente Alfredo Russo, comandante del Norm

conferenza-carabinieri-civitanova-FDM-1-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X