Vanessavirus rifiutato in Francia
pubblicato da Liberilibri
«Parigi poca cosa rispetto a Macerata»

L'ULTIMO libro di Gabriel Matzneff sulla controversa vicenda della sua relazione con una minorenne è stato accolto dall'editore locale dopo aver trovato solo porte chiuse nel suo paese d'origine
- caricamento letture
Gabriel Matzneff (1983, foto Wikimedia)

Gabriel Matzneff (1983, foto Wikimedia)

 

di Francesca Marchetti

Altro che Parigi, è Macerata la capitale europea della libertà di stampa e di pensiero. Scriveva ieri Camillo Langone sulle pagine del quotidiano Il Foglio: «Se Parigi avesse una libera editoria sarebbe una grossa Macerata, ma una libera editoria non ce l’ha e dunque la capitale francese, per quanto riguarda la produzione culturale, rispetto al capoluogo marchigiano adesso è poca cosa».

La copertina di Vanessavirus di Gabriel Matzneff

La copertina di Vanessavirus di Gabriel Matzneff

Un’incoronazione mica da poco, ma non è stato certo l’unico, perché in questi ultimi giorni la città viene più volte citata e presa ad esempio grazie al caso editoriale del momento, che sta tenendo banco sulla stampa nazionale e internazionale: l’ultimo libro di Gabriel Matzneff, “Vanessavirus”, pubblicato da Liberilibri il 27 maggio e già in ristampa.

«E meno male che in Italia c’è una casa editrice tanto moderna quanto libertaria, la Liberilibri di Macerata, che se ne fa un onore di aver dato alle stampe l’edizione italiana del Vanessavirus» ha scritto Giampiero Mughini sull’Huffington Post, mentre Giuliano Ferrara, che lo ha tradotto in italiano, ricorda sempre sul Foglio che il libro «in Italia è pubblicato da un editore serio e libertario come Liberilibri di Macerata».

Persino il webmagazine francese di editoria e cultura Actualitté, al termine di un’intervista a Michele Silenzi di Liberilibri, conclude così: «En France, Vanessavirus n’a toujours pas convaincu d’éditeur. De l’autre côté des Alpes, peut-être a-t-on plus le goût de la provocation» (In Francia Vanessavirus non ha convinto gli editori. Dall’altra parte delle Alpi forse hanno più il gusto della provocazione).
Copertina-del-libro-denuncia-di-Vanessa-Springora

L’editore spiega: «Le opere di Matzneff, considerato uno dei grandi autori francesi viventi e insignito nel 1995 della medaglia di Officier des Arts et des Lettres, sono pubblicate da Gallimard e da La Table Ronde. Ma improvvisamente qualcosa è cambiato, e nel 2021 lo scrittore non trova in Francia nessun editore disposto a pubblicare “Vanessavirus”, che è costretto a stamparsi da solo e a far circolare in poche copie clandestine. Perché? Il motivo è l’uscita, circa un anno fa, di un altro libro, “Le consentement” di Vanessa Springora, un racconto autobiografico che suscita scandalo, mette in stato d’accusa lo scrittore oggi ottantacinquenne e scuote le coscienze dei lettori francesi e di mezza Europa».

 

Gabriel Matzneff (foto Wikimedia)

Gabriel Matzneff (foto Wikimedia)

Vanessa è la donna che a metà degli anni ’80, quando aveva quattordici anni, visse con lui (allora cinquantenne) una relazione durata un anno e mezzo. Aggiunge Liberilibri: «Sicuramente consenziente, ma psicologicamente deleteria a giudizio di lei, dolcissima e travolgente a giudizio di lui. Una storia non clandestina, ma ben nota da sempre al cenacolo della cultura francese, allora alquanto permissivo ma che adesso, investito dalla sferzata di riprovazione provocata dalla pubblicazione di questo best-seller, si trasforma in censore senza appello di una delle sue voci più illustri. Additato da Vanessa come suo carnefice, Matzneff si ritrova ad essere a sua volta vittima del neo-moralismo di una “cancel culture” dagli effetti liberticidi diventando un autore proibito, da mettere all’indice, tanto che Gallimard ha persino ritirato alcuni suoi libri dal commercio. Al di là di ogni giudizio morale che ognuno potrà esprimere sullo scrittore e sulla sua condotta di vita, Liberilibri è la prima casa editrice a concedere a Gabriel Matzneff il diritto di pubblicare che nessun altro ad oggi gli ha accordato, a partire dal suo Paese. Ciò che non è successo a Parigi, succede a Macerata».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =