A 85 anni si concede il bis,
laurea magistrale per Italo Spinelli
«La storia si ripete ma l’uomo spesso è sordo»

MACERATA - L'operaio in pensione di Finale Emilia due anni fa aveva preso la Triennale a Unimc in Filosofia per trovare una risposta alla morte della moglie, oggi ha conseguito la Magistrale in Ricerca storica e risorse della memoria in videoconferenza. Tesi sui “Patrioti della bassa padana nell'Ottocento: «A spingermi agli studi è la voglia di sapere». Il rettore Adornato: «E’ il decano dei nostri laureati. Siamo orgogliosi di annoverarlo fra i nostri studenti»
- caricamento letture
italo-spinelli_laurea-15-aprile-2021-e1618503223702-325x247

Italo Spinelli ha discusso la tesi di laurea dalla sua abitazione

 

Esattamente due anni fa aveva commosso l’Italia laureandosi ultraottantenne in filosofia all’Università di Macerata per trovare una risposta alla scomparsa della sua amata Angela, venuta a mancare per un male incurabile. Oggi, con una votazione di 101 su 110, ha fatto il bis Italo Spinelli, operaio in pensione di Finale Emilia (Modena), con la laurea magistrale, questa volta in Ricerca storica e risorse della memoria, sempre nello stesso ateneo. «A spingermi agli studi – ha raccontato – è la voglia di sapere, perché la storia è bella e bisogna saperla trattare per il verso giusto». Il quasi ottantacinquenne – il suo compleanno è il 21 maggio -, che cinque anni fa aveva scelto l’ateneo maceratese perché già allora offriva corsi anche online, questa volta ha discusso la sua tesi insieme ai suoi più giovani colleghi in video conferenza a causa delle restrizioni di contrasto alla pandemia, a casa, circondato dall’affetto della sorella e dei figli. Il lavoro del laureando era dedicato ai “Patrioti della bassa padana nell’Ottocento”, relatore Marco Severini. Tradendo un’emozione comprensibile in un momento tanto importante, Spinelli ha raccontato gli anni drammatici del Risorgimento attraverso le vicende di patrioti meno conosciuti come Giuseppe Andreoli, Carlo Poma e gli undici Martiri di Belfiore «Ho scelto di fare la tesi su questi grandi uomini disposti a morire per la libertà – ha spiegato nei giorni scorsi il dottor Spinelli – perché la storia si ripete e l’uomo, purtroppo, è spesso cieco e sordo».

Rettore-Francesco-Adornato-saluta-i-laureandi-a-inizio-seduta_con-Italo-Spinelli-in-video

Il saluto del rettore Francesco Adornato ai laureandi

A inizio della seduta è intervenuto a salutarlo anche il rettore Francesco Adornato, che ha invitato Spinelli, insieme agli altri laureati magistrali, alla cerimonia pubblica di consegna delle pergamene in piazza che l’Ateneo organizzerà a settembre per festeggiare tutti i suoi laureati a distanza. «E’ il decano dei nostri laureati. Siamo orgogliosi di annoverarlo fra i nostri studenti, un esempio per i suoi colleghi anagraficamente più giovani”» Non poteva mancare all’appuntamento neanche Arianna Fermani, professoressa di Storia della filosofia antica nel precedente corso. «Mi ha chiesto di indossare lo stesso foulard bianco che portavo il giorno della sua prima laurea». «Si invecchia bene solo se si resta giovani. Questa sua passione per la storia è una forma di giovinezza. Ho apprezzato il suo lavoro per questo senso di partecipazione e mi sembra bello poter vedere la grande Storia attraverso le storie di alcuni suoi protagonisti», ha concluso il correlatore Roberto Cresti.

 

Laureato in filosofia a 82 anni, Italo Spinelli Cavaliere della Repubblica Ora la magistrale in storia

 

Lutto, anima e filosofia: il libro di Italo Spinelli, laureato Unimc a 82 anni

 

Italo, dottore in filosofia a 82 anni «Dopo una vita a riparare trattori ho voluto studiare l’anima»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X