Il vescovo Marconi ringrazia Pignataro:
«Dispiaciuto del trasferimento
Il nuovo questore raccolga il testimone»

IL SALUTO del capo della Diocesi: «L’impegno per il bene comune non è una corsa breve, ma una maratona, anzi preferisco definirla una staffetta. Il questore ha corso per noi e con noi una frazione che a molti sembra oggi troppo breve. Macerata è oggi in vantaggio nella corsa contro i mercanti di morte e i cattivi maestri dei giovani»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
pignataro-marconi-2-325x183

Antonio Pignataro e Nazzareno Marconi

 

Alle tanti voci di plauso per il lavoro svolto dal questore Antonio Pignataro, che terminerà il suo servizio a Macerata a fine mese, si unisce quella del vescovo Nazzareno Marconi.

«Assieme a tanti maceratesi che lo hanno già fatto sia con lo scritto che di persona e anche a nome dell’intera Chiesa diocesana, desidero ringraziare di cuore il questore Antonio Pignataro: per il suo impegno a difesa di quel bene così prezioso che è la salute e l’educazione delle giovani generazioni – scrive Marconi -. Come ebbi modo di dire, nella mia lettera aperta del 14 maggio 2019, il nostro questore ha meritato il convinto sostegno e la stima di tanti nella sua lotta contro la droga e la mentalità che ne facilita il consumo tra i giovani. Il suo lavoro in questi anni ha prodotto oggettivi ed apprezzabili risultati in questo campo; già altri hanno elencato dei fatti che chi vive nel Maceratese ben conosce e può confermare. L’impegno per il bene comune non è una corsa breve, ma una maratona, anzi preferisco definirla una staffetta. Il questore Pignataro ha corso per noi e con noi una frazione che a molti sembra oggi troppo breve. Grazie a lui ed ai suoi uomini, che lo hanno coadiuvato e sostenuto, Macerata è oggi in vantaggio nella corsa contro i mercanti di morte e i cattivi maestri dei giovani. Il suo trasferimento, del quale sono anche personalmente dispiaciuto, invita tutta la cittadinanza maceratese a una maggiore responsabilità perché il vantaggio conseguito non venga eroso.

Saluto il nuovo questore invitandolo a non lasciar cadere il testimone di chi lo ha preceduto in questo impegno di servizio alla città. Non è molto episcopale citare Voltaire, ma una sua frase mi piace: “Il tempo è galantuomo, rimette a posto tutte le cose”; che è poi la versione laica di quella visione credente della vita che il manzoniano fra Cristoforo enuncia così: “Dio ha i suoi fini, e al termine delle cose si vede la sua mano”. Perciò saluto il carissimo questore Pignataro dandoci appuntamento: ogni volta che tornerà in città, troverà aperte tante porte amiche».

I tre anni a Macerata di Pignataro e il trasferimento dopo le battaglie



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X