Lu frate tozzò

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario_monachesi

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Adèra lu frate questuante, dittu nel maceratese anche “frate tozzò”, a Loreto “frate scurzó”. Fino a otre la metà de lu seculu passatu (anni ’60 – ’70) se facia, spèce in campagna, casa casa in cerca de ‘n’offerta, sia pe’ lu mantinimentu de lu conventu, che pe fa’ le pruiste (provviste) pe’ li puritti che po’ a issi se rivurgia (si rivolgevano). A piedi, co’ ‘na visaccia o un saccu a tracollu, o montatu su un’asinu, o su un mulu, pijava tutto quello che je vinia dato, da la jumella (catino) de gra’ o de granturco, a un tozzu de pa’, a ‘na vuttija de vi’, d’ojo, da lo cascio a l’oe, a ‘na fascina de legna. Tutti je dacia checcosa, pure li più areschini, quilli che no’ bboccava su la chjesa, anche perché ‘na credenza popolare dicia che a non daje gnente portava male (portava sfortuna). Quanno chjdù’ (quando qualcuno) je dacia le nuce, non era tanto pe’ magnalle, ma a usu d’illuminazió’. Infatti spremènnole ce uttinia un’ojo denso, anche puzzulente, che però je sirvia pe’ alimentacce la luma, li lumi de lu conventu. Quanno invece romediava (rimediava) che pezzu, anche scompagnatu, de pista de porcu, mmischjava tutto e ce facia un salame chjamatu “de la pruvidenza”, perché po’ vinia fettatu pe’ li puritti che bussava a lu portó'”. A tempu de velegne (vendemmia), c’era chj je dacia ‘n po’ d’ua vianga e chj ‘n po’ nera, anche ecco mmischjava tutto, e lo vi’ che vinia adèra un vi’ scarsu ma sincero”.

“Brodo lungo e seguitate, è ‘rriatu un’antru frate”.

“All’usanza de li frati, magna, bìi e taci”.

Manzoni nei Promessi sposi fa dire a fra Galdino (questuante): “Noi siamo come il mare, che riceve acqua da tutte le parti e la torna a distribuire a tutti i fiumi”.

“Se pò di’ che lu frate cercató’ passava, de fisso, armino du’ tre orde l’annu, de vatte, a tempu d’ua e de jia, e più o meno quanno se ‘mmazzava lu porcu. De solitu adèra un fraticellu che non dicia messa, sempre co’ lu sorrisu su la vocca, simpaticu co’ li vardasci, vonu co’ tutti, ma prontu a risponne, sempre co’ cordialità, a che vattuta spiritosa de li più granni” (dei più grandi).

“Dio ce guardi da l’acqua, lu focu e lu ventu, e da li frati for de conventu”.

“Per fa’ un frate sapete che ce vò? Ce vo’ un saccu, ‘na corda e un birbacció'”.

“Varba longa, tonneca (saio) e cappucciu (cucullus) marroni, cordó’ (cingolo o cordiglio) viangu co’ li tre nodi a rappresentà’ li voti de povertà, castità e ubbidienza, e sandole (sandali) senza carzitti. Appena ‘rriava, lu salutu adèra “Pace e Bene” (“Pax et Bonum”), prima de ji via lasciava che santinu o che medajetta”.

San Francesco raccomandava ai suoi frati di andare e tornare dalla questua, sempre con il sorriso in bocca e letizia nel cuore.

Nel 1282 la “provincia della Marca” contava ben 85 conventi ed oltre 1500 frati osservanti la regola. Francesco venne più volte nelle Marche, il primo viaggio risale al 1208. Ad esso ne seguirono altri fino al 1219. Non è infatti un caso che proprio nelle Marche, verso la metà del Milletrecento, venne composta l’opera conosciuta come “I Fioretti di San Francesco”.

“Negli anni ’60 anche li frati cercatù, se muturizzó’, più d’unu cuminciò a jirà’ la campagna co’ un’ape a tre rote”. ‘Tunno Macerata ce passava pe’ la cerca unu co’ ‘n’apetta vianga, joene, surridente da quanno ‘rriava a quanno rghjava via, sia se jivi dato tanto, sia se jivi dato poco. O gnente”. Se racconta che ‘na orda un contadì’ je chjdì: “Che pijete fra’? Lu cercató’: “Tutto”. Allora lu contadì’: “Marì’, daje la pella de lu cunellu”. Il fraticello senza scomporsi prese “La pella de lu cunellu”, e sorridendo se ne andò. Ho cercato di ricordare (sapere) il suo nome, non ci sono riuscito, ma ho stampato nella mente il suo viso felice. Veniva dal convento dei Cappuccini nuovi di Macerata.

Padre Vincenzo Zucca (Arcevia 1913 – Grottammare 2008), vissuto per oltre 63 anni nel convento di Santa Maria del Trebbio di Pollenza, sembra sia stato “l’urdimu frate cercató’ de la provincia de Macerata”. Un frate umile, che spesso rientrava in convento senza niente, perché quello che aveva raccolto, lo aveva già distribuito ai poveri. Lui cenava con pane e cipolla.

“Fra Modesto non fu mai priore”.

Oggi questa straordinaria figura di frate dedito anima e corpo alla questua, non esiste più, inghiottita dai tempi che cambiano oramai a ritmi vertiginosi. Possiamo però rivivere, almeno dalle nostre parti, questa passata atmosfera, grazie all’annua rievocazione storica della Trebbiatura presso l’azienda Lucangeli di Macerata. Manifestazióne in cui, “otre a li patrù’ co’ la machina, a lu fattò’ e a lu curatu, ‘rria anche lu frate cercató co’ l’asinu”.

Un proverbio meteo cosi recita: “È passatu lu varbó’ (Sant’Antonio, 17 gennaio), è passatu lu tozzó’ (torzone, San Biagio frate laico cercatore, 3 febbraio), è passata la sdentata (Sant’Apollonia protettrice dei dentisti, 9 febbraio), ce ne frichimo dell’invernata”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =