facebook twitter rss

Recanati, il sindaco sull’Ircer:
«Ad oggi nessun contagio»

CORONAVIRUS - Il sindaco Antonio Bravi dopo il caso della Rsa ha rassicurato che nella struttura non ci sono problemi. Gli spazi comuni organizzati per mantenere una distanza di sicurezza tra gli ospiti. In via precauzionale chiesti anche i tamponi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
21 Condivisioni

 

 

«Nessun caso di contagio da Covid-19 all’Ircer di Recanati». A dirlo è il sindaco Antonio Bravi. «Considerate le preoccupazioni espresse da molte persone in questi giorni, relativamente alla situazione verificatasi nella locale Rsa, riteniamo importante chiarire per quanto riguarda l’Ircer che, sebbene le due strutture siano adiacenti, sono anche istituzioni del tutto autonome. La Fondazione Ircer Assunta di Recanati  è una struttura di tipo socio sanitario con due reparti, di cui una residenza protetta per anziani e una residenza protetta per persone con demenza – spiega Bravi –. Sono ospitati  66 anziani fragili con pluripatologie e nessun caso Covid-19 è presente. I familiari sono costantemente aggiornati sullo stato di salute e il rapporto familiari ospiti è attivo tramite canali alternativi di comunicazione messi a disposizione dal 5 marzo, con l’individuazione di un operatore appositamente dedicato 4 ore al giorno, che funge da facilitatore ospite-familiare per i collegamenti tramite videochiamate, skype o voce. La Fondazione ha attuato già da alcune settimane e sta attuando misure di contenimento e gestione dell’emergenza da Covid 19 a tutela dei suoi ospiti e del personale». La struttura al momento è chiusa a parenti e visitatori. La gestione degli spazi comuni è stata organizzata così da distanziare quanto più possibile gli ospiti presenti in struttura. «Si provvede costantemente alla sanificazione degli ambienti – aggiunge Bravi -, dei dispositivi, delle attrezzature e della biancheria con adeguate procedure anticontagio. I processi organizzativi e lavorativi interni sono stati organizzati così da prevenire le possibilità di contagio, sia tra gli ospiti sia tra il personale sanitario». La direzione ha chiesto in via cautelare che vengano eseguiti tamponi a tutto il personale e agli ospiti.

Covid alla Rsa di Recanati, un piano dedicato ai positivi

Corridonia, 19 positivi nella casa di riposo Sono 15 nella Rsa di Recanati

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X