facebook twitter rss

«Il “sindaco del terremoto”
arrestato per terrorismo»
Scoperto l’autore della fake news

BUFALA - Venanzo Ronchetti, ex primo cittadino di Serravalle, era stato preso di mira con una notizia falsa. A diffonderla uno studente universitario che è stato individuato dalla Polizia postale
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
800 Condivisioni

La fake news incriminata

 

di Maurizio Verdenelli

La ‘notizia’, oltre tre anni fa, ebbe l’effetto di una scossa tellurica pari ad almeno 7 gradi della scala Mercalli. Il popolare ‘sindaco del terremoto’ capo di una potente cellula terroristica! Venanzo Ronchetti, arrestato in un aeroporto internazionale… pronto a colpire. La breaking ‘news’ venne rilanciata in grande stile dai mass media, naturalmente con punti interrogativi grossi cosi! Nessuno, sin dai primi rumors, credette alla veridicità di un tale racconto che vedeva l’eroico ex sindaco di Serravalle di Chienti, protagonista della rinascita del suo paese epicentro del sisma umbro-marchigiano del 1997, nell’inquietante ruolo di un capo terrorista che minacciava il mondo. Giustamente diffidenti, i tanti estimatori di Venanzo hanno avuto facilmente ragione nel riporre in lui assoluta fiducia. Dopo oltre 36 mesi di indagini, la Polizia postale ha identificato l’autore della colossale ‘bufala’.

Venanzo Ronchetti

Ronchetti terrorista si è rivelata per quella che doveva essere: la regina di tutte le fakenews. Ad attivare l’inchiesta è stato l’esposto dell’avvocato Tommaso Martello di Macerata. Che estimatore dell’ex sindaco, dopo aver appreso da giornali, radio e tv, di quello che gli stava capitando, gli aveva telefonato proponendosi fi patrocinarlo gratuitamente. E dopo tre anni, “l’untore” è stato dunque identificato. Si tratta di un giovane universitario, residente anch’egli nel comune di Serravalle. Lo studente attivando un programma Fakenews era riuscito ad inviare due lanci sul web avendo nel mirino il notissimo ex amministratore comunale (per 12 anni primo cittadino). Guai grossi si prospettavano per il giovanotto. Tuttavia Venanzo cuor d’oro ha voluto riceverlo a casa e perdonarlo. In cambio lo studente ha lasciato nelle mani di Ronchetti una lettera di scuse definendo “falsa, diffamatoria e senza fondamento” tutta l’attività posta in essere contro il protagonista della ricostruzione post sisma di quasi 23 anni fa (in una biografia: ‘Il ragazzo e l’altopiano’, Ilari editore, la narrazione di quegli anni terribili eppure indimenticabili). E chiarendo di non aver mai voluto in realtà macchiare l’immagine pubblica di Venanzo Ronchetti, da tutti benvoluto, ma solo d’aver voluto fare ‘facile ironia’. Da qui la richiesta del perdono, accettato dall’ex sindaco nella consapevolezza di non voler ledere il futuro di un ragazzo che pur aveva agito con grave ‘leggerezza’.

«Allarme terrorismo, arrestato Venanzo Ronchetti» La bufala sul “sindaco del terremoto”

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X