facebook twitter rss

Furti nelle case, la banda resta in cella
Le due donne: «Non sapevamo nulla»

IN MANETTE - Arresti convalidati per i quattro albanesi presi lo scorso fine settimana. I due uomini non hanno parlato. L'udienza si è svolta oggi al tribunale di Ascoli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
18 Condivisioni

Il vano ricavato nel veicolo con dentro la refurtiva e arnesi per lo scasso

 

In manette per furti in abitazione, restano tutti in carcere i 4 albanesi arrestati nella notte tra sabato e domenica dai carabinieri. Hanno negato tutto le due donne finite in manette: «dei furti non ne sappiamo niente». L’udienza si è svolta questa mattina al tribunale di Ascoli. Gli arrestati erano partiti in auto da Civitanova e da lì la notte di sabato avevano raggiunto la frazione di Centobuchi, a Monteprandone. Lì erano stati messi a segno 4 furti in abitazione, altri sarebbero stati compiuti in precedenza nel Maceratese, a Porto Recanati e Recanati, e proprio per questo quella notte l’auto dei quattro albanesi era stata pedinata dai carabinieri della Compagnia di Civitanova. A bordo della vettura c’erano due uomini (Mirel Tusha, 34, e Dede Koci, 26) e due donne (Manuela Oshafi, 29, e Suzana Stafasani, 38). Secondo l’accusa mentre le due donne attendevano in auto i due uomini avevano messo a segno i furti. Oggi le due donne hanno negato di sapere dei furti. Una di loro era ospite dell’altra e si trovava in Italia da un paio di settimane. «Quella notte dovevamo andare a Roma, ci siamo fermati perché loro (Tusha e Koci, ndr) ci hanno detto che dovevano fermarsi a incontrare un amico. Così abbiamo atteso e siamo andate a mangiare in una pizzeria e poi siamo state in un bar, quando ci hanno telefonato che tornavano siamo andate all’auto». Sulla vettura, nascosti in un vano segreto realizzato nel cruscotto, i carabinieri avevano trovato gioielli e oro frutto di furi compiuti nella frazione di Centobuchi. Le donne sono difese dall’avvocato Giovanni Galeota. I due uomini invece non ha risposto alle domande del gip, Annalisa Giusti. Sono difesi dall’avvocato Maurizio Cacaci. Il giudice ha disposto per tutti e quattro la misura cautelare in carcere.

(Gian. Gin.)

 

Presa banda di furti nelle case: quattro persone in manette

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X