facebook twitter rss

Addio a Gianfranco Garbuglia,
ex calciatore di Lazio e Sambenedettese

CORRIDONIA - Si è spento stamattina a 79 anni, oltre a quella biancoceleste e rossoblu ha vestito le maglie di Messina, Udinese e Potenza collezionando diverse presenze in serie A e B. Il funerale domani alle 15 nella chiesa dei santi Pietro, Paolo e Donato
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
32 Condivisioni

 

Gianfranco Garbuglia

 

E’ morto stamattina a 79 anni nella sua Corridonia l’ex calciatore professionista Gianfranco Garbuglia. Una carriera fatta di esperienze importanti quella del difensore, noto ai tempi della Lazio con il soprannome “er gatto”, che ha anche giocato con la Nazionale. Oltre a quella biancoceleste, ha vestito le maglie di Sambenedettese, Messina, Udinese e Potenza. Padre di Enrico (da calciatore protagonista con Corridonia, Sangiustese, Maceratese, Jesina e Montegiorgio e poi allenatore di diverse squadre tra il fermano e il maceratese), Garbuglia aveva nella sua forza fisica e nelle qualità tecniche il suo punto di forza. Esaltato da Riva e da Zigoni, centravanti che ne hanno sempre tessuto le lodi per le sue capacità in marcatura, Garbuglia dopo la carriera calcistica ha gestito nel centro storico di Corridonia una macelleria. «La S.S. Sambenedettese Calcio esprime le più sentite condoglianze per la scomparsa di Gianfranco Garbuglia ex calciatore rossoblu venuto a mancare nella mattinata odierna – si legge sulla pagina Facebook del club -. Garbuglia ha vestito la casacca della Samb nelle stagioni 1959-60 e 1961-62 collezionando oltre 60 presenze. La società si stringe attorno al dolore di tutta la sua famiglia». «Ci lascia Gianfranco Garbuglia uno dei più forti difensori che il Potenza abbia mai avuto – si legge sulla pagina Facebook “Museo del Potenza Calcio”-. Giocò con noi diversi anni nei primi anni 70. Aveva trascorsi in A e in B ma anche a Potenza ha lasciato un segno indelebile. Rip Gianfranco». Il funerale, curato dalle onoranze funebri Verdini, si terrà domani alle 15 nella chiesa dei santi Pietro, Paolo e Donato.

(redazione CM)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X