Rosa Piermattei scrive al ministro:
«Ci cancellano per l’ospedale unico»

SAN SEVERINO - Il sindaco ha invitato Speranza scongiurare i danni causati dalla determina 732. «Il provvedimento si è abbattuto su di noi con la stessa violenza del terremoto». Tra i destinatari della nota anche Ceriscioli e Storti
- caricamento letture

 

anime_terremotate_rosa_piermattei-1-325x217

Il sindaco Rosa Piermattei

«Ci cancellano per far posto ad un fantomatico ospedale unico». Il sindaco di San Severino, Rosa Piermattei, si oppone alla determina 742 e indirizza una nota al ministro della salute Roberto Speranza. «Caro Ministro – si legge nella nota – intervenga per scongiurare un’assurda decisione che mette a rischio un diritto fondamentale come quello alla salute, riconosciuto dalla Costituzione della Repubblica italiana. Non si possono prendere decisioni di questa portata senza un confronto, e soprattutto, senza tenere in considerazione le esigenze dei territori. Quest’ultime sono radicalmente cambiate a seguito del terremoto 2016 ma, ancora una volta, vengono completamente disattese e non ascoltate». Tra i destinatari anche Luca Ceriscioli, governatore delle Marche, nonché assessore regionale alla salute, e Nadia Storti, direttore dell’Asur Marche. Un appello accorato quello del primo cittadino, che esorta a «ritirare immediatamente, o a rettificare, la determina 742 del 31 dicembre scorso, con la quale l’Asur Marche ha declassato tre unità operative (hospice, oncologia e radiologia) dell’ospedale Bartolomeo Eustachio di San Severino da unità semplici dipartimentali a unità semplici».

speranza

Il ministro Speranza

«L’’improvvido provvedimento – argomenta Piermattei nella sua nota – si è abbattuto con la stessa violenza delle scosse di terremoto su di un territorio già devastato dal sisma e che vive ancora una drammatica emergenza, dove la ricostruzione è praticamente ferma al palo, l’economia e l’occupazione sono state annientate, il tessuto sociale è stato smembrato e dove, anche dal punto di vista sanitario e assistenziale, si sta vivendo una situazione che oserei definire epocale». Il primo cittadino sottolinea come sia impensabile declassare una struttura candidata a diventare ospedale unico provinciale per la sua posizione baricentrica rispetto ai territori limitrofi. «Quella settempedana – spiega ancora il sindaco Piermattei – è una struttura che per l’abnegazione del personale sanitario, medico e infermieristico serve diversi altri comuni del Maceratese. Come già anticipato, stiamo preparando una protesta per salvaguardare cosa c’è di buono e funzionante nel mondo della salute».

«Reparti declassati, tutti a manifestare ad Ancona: ospedale unico specchio per le allodole»

«Tre reparti ospedalieri declassati, pronti a manifestare in Regione»

Ospedale di San Severino, Maccioni: «Nessun declassamento dei reparti»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =