facebook twitter rss

«La gestione della busta paga pesante
è una vera ingiustizia sociale»

SISMA - Confartigianato Imprese stigmatizza la recentissima comunicazione Inps: «Ennesima beffa per imprese e cittadini che hanno appreso solo due giorni fa le modalità di versamento dei contributi sospesi». Il presidente Leonori: «Come si può fronteggiare una situazione così delicata in maniera così superficiale e confusionaria?»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
193 Condivisioni

Renzo Leonori, presidente di Confartigianato imprese Macerata

«Ennesima beffa per imprese e cittadini che hanno appreso solo due giorni fa le modalità di versamento dei contributi sospesi, il cui rateizzo deve iniziare oggi (15 gennaio), inclusa la quota relativa alla cosiddetta “busta paga pesante” da restituire». A denunciarlo Confartigianato Imprese Macerata, che spiega che «nel messaggio pervenuto dall’Inps agli addetti ai lavori (n. 78 del 13 gennaio), si legge che al momento i soggetti beneficiari del provvedimento potranno usufruire della riduzione prevista dal decreto sisma solo dopo controlli sul de minimis (il cui tetto massimo è di 200 mila euro nel triennio) e che quindi dovranno subito versare il 100% dei contributi. A questo si aggiunge un’inutile ulteriore passaggio burocratico che impone l’obbligo di presentare una nuova domanda di rateizzazione, nonostante l’imbarazzante ritardo con cui le istruzioni operative sono arrivate. Senza considerare i notevoli rallentamenti e malfunzionamenti del portale Inps in fase di predisposizione ed invio della domanda, il cui rinvio era stato comunque promesso, ma mai mantenuto. Slitta quindi lo sconto del 60% sui contributi previdenziali sospesi per le imprese artigiane, commercianti e professionisti e quello relativo ai contributi dei dipendenti per la quota a carico del datore di lavoro. I contributi dipendenti, come anche l’Irpef, pari appunto al 40%, dovranno essere restituiti in un’unica soluzione o in 120 rate mensili, mentre quelli personali, da versare sempre in un’unica rata o in 120 rate mensili, sono pari al 100%. Per quanto riguarda il rispetto del regime de minimis, il datore di lavoro verserà o rateizzerà il 100% del dovuto, in attesa del successivo conguaglio».

Il presidente Renzo Leonori commenta: «A partire dal 15 gennaio chi ha usufruito della busta paga pesante con l’opzione della rateizzazione, dovrà iniziare la restituzione del 40% di quanto dovuto. Chi invece ha già iniziato a pagare le rate dovrà conteggiare di nuovo il dovuto alla luce dello sconto del 60%, e chi ha provveduto a saldare il totale in un’unica rata, dovrà attendere ulteriori disposizioni da parte del Governo in merito alla tempistica.
E tutti quei cittadini ed imprenditori che, pur avendone diritto, non hanno richiesto né la busta pesante né la sospensione del pagamento dei contributi, pagando a suo tempo l’intero importo? Per questi nessuno sconto. Ecco questa disparità di trattamento a noi sembra una vera e propria ingiustizia sociale. Per non parlare del fatto che nel calcolo del de minimis rientrano anche una serie di agevolazioni per le aree del cratere, tra cui la Zona Franca Urbana, destinate per lo più alle micro e piccole imprese artigiane, oltre a liberi professionisti e commercianti che, fronteggiando ancora le svariate problematiche dovute al sisma, si ritrovano oggi a dover pagare il totale di questi importi senza ancora sapere quando potranno usufruire della famosa riduzione del 60%. Siamo davvero rammaricati – conclude Leonori – per questo protrarsi di ingiustizie a discapito di imprese e cittadini che continuano a vivere in situazioni precarie, dovendo ancora affrontare ogni giorno le conseguenze del sisma. Come si può fronteggiare una situazione così delicata, che ha bisogno da sempre di semplificazioni e soluzioni mirate che non aggiungano ancor più difficoltà alla già complicata gestione post terremoto, in maniera così superficiale e confusionaria?».

Oggi anche Francesco Acquaroli, deputato FdI e candidato alle regionali, è intervenuto sul tema ha annunciato che il suo partito presenterà un’interrogazione con un’attenzione specifica alla situazione delle partite Iva.

Busta paga pesante, Acquaroli: «Partite Iva beffate»

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X