«Recanati ostaggio
delle truppe cammellate di Renzi»

POLITICA - La sezione locale di Fratelli d'Italia preoccupata dal boom di adesioni a Italia Viva: «Ci auguriamo che il sindaco Bravi non chini il capo di fronte a questa evidente prova di forza di Fiordomo e compagni, speriamo che la guida della città sia lasciata fuori da squallidi intrallazzi»
- caricamento letture
antonio-bravi-recanati-vittoria.jWhatsApp-Image-2019-06-10-at-02.24.57-325x216

Francesco Fiordomo e Antonio Bravi festeggiano la vittoria a Recanati lo scorso 10 giugno

 

Adesione in massa nella compagine consiliare e amministrativa di Recanati al partito Italia Viva di Matteo Renzi (leggi l’articolo), Fratelli d’Italia non ci sta: «Possibile mai che le truppe cammellate di Renzi possano controllare di fatto un comune di più di ventimila abitanti annullando il tanto sospirato “cambiamento” e mettendo il resto della maggioranza con le spalle al muro?», domanda la sezione locale del partito di Giorgia Meloni.

«Come partito e gruppo politico, non possiamo che essere contenti che nascano nuove sezioni partitiche in città, che sicuramente aumenteranno il dibattito intellettuale e culturale che deve essere al centro di una vita politica attiva. Restiamo però basiti di fronte a quanto letto riguardo la nascita di Italia Viva a Recanati – spiega FdI -. Se era certa l’adesione di Francesco Fiordomo (che in pompa magna dal palco della Leopolda ha partecipato al battesimo del partito) restiamo davvero allibiti vedendo quanti, aderenti alle liste della coalizione di sinistra e addirittura esponenti di spicco di liste che rappresentavano direttamente Antonio Bravi, siano oggi stati trascinati all’interno del movimento renziano. Per di più, restiamo esterrefatti dalla noncuranza con la quale vengono elencate tutte le cariche e i posti di comando a cui, in un tranquillo sabato di metà novembre, questo partito ha avuto accesso. E così, quelli del “cambiamento che continua” si sono trovati ad avere il vicesindaco, l’assessorato ai lavori pubblici, la presidenza del Consiglio comunale, le deleghe alle Pari opportunità, allo Sport e alla Sanità, la presidenza delle Commissioni Servizi sociali e Urbanistica e addirittura sei Consiglieri su 16, diventando così una componente decisiva per l’esistenza stessa dell’amministrazione Bravi. Non solo, scopriamo anche che Italia Viva ha propri esponenti nei CdA dell’Astea, di Centro Marche Acqua e ha collaborazioni fondamentali all’interno della Fondazione Ircer».

Per Fratelli d’Italia «la sfacciataggine nell’elencare tutte le cariche assunte dal nuovo gruppo politico cittadino testimonia ancora una volta lo stile comunicativo votato all’arroganza e alla mancanza di umiltà che connotano questa maggioranza. Quanto ancora Recanati dovrà essere ostaggio dei giochi sinistri, prima tra Pd e Fiordomo, oggi tra Renziani e liste civiche di maggioranza? Possibile mai che le truppe cammellate di Renzi possano controllare di fatto un comune di più di ventimila abitanti annullando il tanto sospirato “cambiamento” e mettendo il resto della maggioranza con le spalle al muro? Ci auguriamo che il sindaco Bravi non chini il capo di fronte a questa evidente prova di forza di Fiordomo e compagni, speriamo che la guida di Recanati sia lasciata fuori da squallidi intrallazzi di partito e libera dagli interessi del rottamatore riciclato Matteo Renzi e dei suoi fedelissimi. In mezzo a questo caos di una sola cosa siamo certi: i recanatesi non si faranno prendere in giro né dal fantomatico “cambiamento” né dai soliti mutaforma della politica che in sostanza restano sempre gli stessi di sempre: affamati di potere e di poltrone».

Assessori, consiglieri e civici: Italia Viva fa il pieno a Recanati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X