facebook twitter rss

Api e cespugli fioriti,
svolta green sulla rotatoria

CIVITANOVA - Il progetto è dell'azienda Ica che ha ottenuto la concessione per la rotonda di via Gobetti Pirelli. Spazio ad arnie circondate da piante aromatiche e ad un "bee hotel" sulla pista ciclabile
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
677 Condivisioni

Il render del Bee hotel Ica

 

di Laura Boccanera

Hotel per le api, piccole arnie e un “banchetto” di cespugli con erbe aromatiche e piante che favoriscono l’impollinazione. E’ un progetto “green” quello che la Ica ha pensato per la rotatoria di via Gobetti Pirelli, a Civitanova, nella zona industriale di Santa Maria Apparente e che coinvolge anche un’area dedicata al benessere e all’aria aperta come quella della pista ciclabile. Il filo conduttore un “bee hotel”, ovvero la creazione di condizioni ottimali per la proliferazione di api e altri insetti impollinatori. Una curiosa e simpatica idea per l’allestimento della rotatoria che si è aggiudicata l’Ica, l’azienda chimica adriatica dell’imprenditore civitanovese Sandro Paniccia. Sono state rinnovate le convenzioni per la pubblicità nelle rotatorie e l’imprenditore civitanovese ha vinto il bando per quella di via Gobetti Pirelli. Ma invece di costruire monoliti, monumenti o altri manufatti, l’operazione messa in campo ha voluto riconsegnare alla natura quel pezzetto di terra. Civitanova ha sempre avuto una certa discutibile originalità in fatto di rotatorie, spesso contestate e criticate, la nuova rotonda invece rappresenta un piccolo ecosistema e si sviluppa su due spazi distinti: da un lato l’allestimento al centro dell’isola della rotonda, all’incrocio fra le due strade della zona industriale con una struttura che ricorda le arnie delle api e vegetazione. E poi “il resort delle api” vero e proprio vicino alla Cinciallegra, lungo la pista ciclabile che collega Civitanova con Civitanova Alta. Qui a spese dell’azienda, per la durata della concessione, verrà realizzata una struttura dedicata ad ospitare le api e altri insetti impollinatori, circondata da cespugli di erbe aromatiche e altre specie adatte allo scopo come Calendula, Veccia, Lupinella, Coriandolo, Cumino, Borragine. L’oasi sorgerà nell’area verde della pista ciclabile comunale. La scelta di realizzare qui il bee hotel è legata alla promozione del progetto, così da renderlo visibile e conosciuto dalla comunità, aumentando la sensibilità nei confronti dell’importanza dell’impollinazione e del lavoro delle api. Il progetto è stato studiato da Ica ed è realizzato con la consulenza scientifica dell’Università Politecnica delle Marche.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X