Si barrica nell’abitacolo
per evitare il sequestro dell’auto:
nei guai un 54enne

RECANATI - L'uomo è stato sanzionato dalla municipale perché la vettura aveva una targa straniera. All'arrivo del carro attrezzi si è chiuso dentro e non è più uscito. Ora sarà denunciato per resistenza a pubblico ufficiale
- caricamento letture
polizia-municipale-Recanati-1-400x225

Foto d’archivio

 

In giro con targa straniera, per evitare il fermo dell’auto si barrica nell’abitacolo. E’ successo a Recanati, protagonista un 54enne con doppia cittadinanza italo-marocchina e da anni residente in città, che ora sarà denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. 

Il 54enne è stato fermato dalla polizia locale poco dopo le 12 in località Palazzo Bello. Era alla guida di una Golf nera con targa belga. Vista la nuova norma del Codice della strada che vieta ai cittadini residenti in Italia di guidare un’auto con targa straniera, è stata contestata all’uomo l’infrazione. Una multa di circa 500 euro e il fermo amministrativo del mezzo. Gli agenti le hanno provate tutte, chiedendo persino se l’uomo avesse un posto dove lasciare l’auto per evitare di chiamare il carro attrezzi. Ma l’uomo non ne voleva sapere: ha detto di non avere né i soldi per pagare subito la sanzione (come prevede il Codice), né un locale dove tenerla ferma fino al compimento delle azioni necessarie per mettersi in regola. Così è arrivato il carro attrezzi e a quel punto il 54enne si è chiuso in auto e non è voluto più uscire. E’ iniziata una lunga trattativa per evitare che la situazione degenerasse, sul posto sono arrivati anche la comandante della municipale Gabriella Luconi e i carabinieri. E’ stato contattato pure il sostituto procuratore di turno. Ma niente, l’uomo è rimasto chiuso all’interno. E così dopo oltre tre ore, è stato lasciato nell’auto. Per lui ora, oltre alla sanzione, in arrivo anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X