Ecografi, risonanze e nuove tecnologie
La Fondazione dona 700mila euro
«Neanche un centesimo sprecato»

MACERATA - Presentato il programma pluriennale degli investimenti nel progetto di Welfare di Comunità "Healthcare". Arriveranno 16 nuovi dispositivi per 5 presidi ospedalieri. L'orgoglio della presidente Del Balzo: «Rispondiamo a reali esigenze, analizzate in collaborazione con l'Area vasta» . Il presidente Ceriscioli: «Per noi un doppio riconoscimento, vuol dire che abbiamo lavorato bene»
- caricamento letture
FondazioneCamera_ASUR_FF-4-650x434

La conferenza di questa mattina. Da sinistra Alessandro Maccioni, Rosaria Del Balzo e Luca Ceriscioli

 

di Alessandra Pierini (Foto Fabio Falcioni)

Un ecografo per la Pediatria di Civitanova, un ecografo portatile per cardiologia di Macerata che consentirà di raggiungere direttamente i pazienti, uno per Medicina Interna a San Severino che attualmente non lo ha, un “Arco a C” per il blocco operatorio di Civitanova che consentirà di avere immagini radiologiche direttamente in sala operatoria e con una bassissima dose di radiazioni e ancora un aggiornamento del sistema di videolaparoscopia di Ostetricia a Macerata che diventerà in 3D consentendo una migliore operatività e sicurezza per il paziente, oltre a ridurre la durata dell’intervento e di conseguenza anche la sedazione. E alla risonanza magnetica aperta di Civitanova, molto ricercata nel territorio, ne sarà affiancata un’altra tradizionale ma di ultima generazione.

FondazioneCamera_ASUR_FF-5-325x217

Rosaria Ruiti

Sono solo alcune delle nuove dotazioni tecnologiche donate dalla Fondazione Carima all’Area Vasta 3 di Macerata. «Sono 16 strumentazioni di ultima generazione per 5 presidi ospedalieri della provincia. Si tratta per lo più di sostituzione di strutture vetuste – spiega l’ingegnere clinico Maria Costantino dell’Av 3 – ma in alcuni casi si coprono proprio delle mancanze».
Si chiama “Carima Healthcare” il programma 2019-20 di donazione di apparecchiature sanitarie, presentato questa mattina a palazzo Ricci. Un esempio di welfare di comunità, uno stanziamento complessivo  di oltre 700mila euro per l’acquisto di tecnologie all’avanguardia il cui valore di mercato complessivo supera un milione di euro.
«Abbiamo fatto in modo che non si sprecasse neanche un euro  – spiega la presidente della Fondazione Rosaria Del Balzo – e che la nostra donazione rispondesse effettivamente alle esigenze dell’Area vasta. Per farlo abbiamo lavorato in sinergia col territorio, prima con un reale esame delle necessità, poi confrontandoci con l’Asur. Il risultato è una pianificazione ottimale. Queste macchine non dovranno essere lasciate inutilizzate perchè sono realmente necessarie». Spiega poi il senso dell’iniziativa: FondazioneCamera_ASUR_FF-1-325x217«In una fase di progressiva riduzione dell’intervento pubblico in aree rilevanti come quella della sanità, ha deciso di fare un investimento per perseguire il miglioramento delle prestazioni, la riduzione delle disuguaglianze nell’accesso alle cure»
E la sinergia con l’Area vasta 3 è evidente anche nel siparietto della presidente con il direttore Alessandro Maccioni che la Del Balzo definisce scherzosamente “stalker” ed “estorsore”: «ha sempre qualcosa da chiedere» ha scherzato. Plaude al duetto il presidente della Regione Luca Ceriscioli: «Siamo grati a tutti coloro che ci donano qualcosa di utile, in questo caso c’è anche la qualità della donazione che si integra perfettamente con l’operato dell Av3. Il dono è anche un riconoscimento del valore del lavoro che stiamo facendo».

FondazioneCamera_ASUR_FF-7-325x217

L’intervento del direttore Maccioni

Entra nel dettaglio il direttore Maccioni: «A Civitanova arriverà una nuova risonanza nel corso del 2020 per la quale la Fondazione ha stanziato ulteriori 500mila euro, raddoppieremo così la possibilità di fare esami ma ci vuole tempo perchè abbiamo deciso di darle una nuova collocazione. A Camerino arriverà un ecografo, non è poco visto il grande investimento fatto dall’Asur in quel presidio».

 

fondazione_acarima-e1570712920797-650x440

Dettaglio delle tecnologie oggetto di donazione

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X