“La bellezza in bicicletta”,
quattro comuni sui pedali

SINERGIA tra le amministrazioni di Tolentino, Corridonia, Mogliano e Petriolo per un percorso alla scoperta delle eccellenze ambientali, storico-artistiche, enogastronomiche della nostra terra
- caricamento letture

 

La-commissione-al-completo-2-650x433

 

di Giacomo Gardini

“La bellezza in bicicletta”: al via il Pil (Progetto Integrato Locale) finanziato dal Gal Sibilla. Questa mattina, i rappresentanti dei comuni di Tolentino, Corridonia, Mogliano e Petriolo, insieme al presidente del Gal Sandro Simonetti e al facilitatore del Pil Alessandra Panzini, hanno avviato la fase operativa del progetto. Al Politeama di Tolentino presenti la vicesindaco di Tolentino, Silvia Luconi, l’assessore al turismo di Corridonia, Monica Sagretti, il sindaco di Mogliano, Flavio Zura, e quello di Petriolo, Domenico Luciani.

«Il residente è un turista a tempo indeterminato – spiega il presidente Simonetti – Spetta a noi mettere le imprese in condizione di fare investimenti importanti che facciano da volano per l’economia locale. Una sfida alla quali sia il Gal Sibilla sia i rappresentanti dei comuni hanno risposto senza indugi ». Una libera aggregazione di comuni, che si riconoscono attorno ad un tema condiviso, su cui fondare una strategia di sviluppo economico a sostegno delle imprese e dei sistemi produttivi locali. «Quella dell’Alto Maceratese è la zona più colpita dal sisma – spiega Simonetti – tutto il Gal Sibilla, a eccezione di tre comuni su quarantadue, risiede nel cratere. Abbiamo ricevuto un’assegnazione aggiuntiva di circa sette milioni di euro, che si somma agli undici già disponibili, per un totale di diciotto milioni da investire. Gli sforzi di programmazione compiuti finora sono eccellenti: sono convinto che le nostre iniziative agevoleranno la ripresa dell’entroterra». La vicesindaco Silvia Luconi ha parlato di « un progetto importante, in cantiere ormai da un anno».

La-commissione-al-completoIl progetto, di cui è stato offerto un assaggio durante la scorsa edizione di Tolentino Expo, verrà presentato al Bit di Milano nei prossimi giorni: «Il reciproco confronto tra i rappresentanti dei quattro comuni – prosegue la Luconi – ha permesso di aggiungere tasselli fondamentali allo studio di progettazione. Per quanto ci riguarda, Tolentino dispone di una pista ciclabile ancora embrionale, in zona Piani Bianchi. Il Pil si preoccuperà di allacciare quei territori che vanno dal Castello della Rancia fino all’Abbadia di Fiastra». Qualche perplessità sulle tempistiche di realizzazione: «Non so se l’attuale amministrazione riuscirà a vedere l’inizio dei lavori – ammette la vicesindaco –, ma la cosa non ci turba. Lavoriamo per il bene del nostro entroterra e dei suoi cittadini, anche in un’ottica orientata al futuro». L’assessore al turismo Sagretti di Corridonia ha sottolineato il carattere “sostenibile ed esperienziale del progetto », che risponde alle nuove tendenze del turismo. «Il comune di Corridonia – ha spiegato Sagretti – si concentrerà sulla realizzazione di nuovi InfoPoint e sulla valorizzazione della chiesa di San Claudio al Chienti. Un’arteria ciclabile che la congiunga all’Abbazia di Fiastra ». Il comune di Petriolo invece, spiega il sindaco Luciani, «sta valutando la possibilità di legare la stessa abbazia alle sorgenti di acqua sulfurea diffuse nel nostro territorio. Un’attrattiva di primo piano per i cultori del benessere ». Soddisfatto dello studio cooperativo tra i comuni anche il sindaco di Mogliano Zura:  Ognuno di noi realizzerà gli interventi più confacenti alle peculiarità del territorio. Ma alla base del progetto c’è un disegno comunitario: un incentivo turistico alla messa in sinergia di un entroterra ricco di stimoli e attrattive». La scelta del cicloturismo poi non è casuale. A spiegarlo è il facilitatore del Pil, Alessandra Panzini: «Si tratta di un percorso alla scoperta delle eccellenze ambientali, storico-artistiche, enogastronomiche della nostra terra. La provincia maceratese spalanca le porte e apre alle sue bellezze, sulla linea del progetto Cluster Bike della Regione Marche». Per condividere la strategia di sviluppo e definire le linee guida per gli interventi dei privati, da finanziare grazie ai diversi bandi del Gal, le amministrazioni comunali hanno indetto una sera di incontri pubblici. Il 6 febbraio, alle 18, a Tolentino, nella Biblioteca Filelfica. Il 13 febbraio, alle 18, a Corridonia, al Palazzo comunale. Il 21 febbraio, alle 21, a Mogliano, al Museo delle Terre Artigiane. Sono invitati imprenditori di ogni settore, cittadini, ma soprattutto giovani – esorta Panzini –. Ci aspettiamo viva partecipazione, per condividere visioni e opportunità, così da offrire le nostre idee migliori al futuro di questa splendida terra».

Il-presidente-del-Gal-Simonetti-la-vicesindaco-di-Tolentino-Luconi-e-il-sindaco-di-Mogliano-ZuraIL PROGETTO – Il Pil è una forma innovativa di approccio allo sviluppo territoriale, scelta dalla Regione Marche per ottimizzare l’utilizzo dei fondi europei erogati dai Gal, in questo caso il Gal Sibilla. Il metodo si basa sulla libera aggregazione di Comuni che si riconoscono attorno ad un tema condiviso, legato a risorse, vocazioni e fabbisogni comuni, su cui fondare una strategia di sviluppo economico a sostegno alle imprese e dei sistemi produttivi locali.
La fase preliminare di concertazione dei sindaci ha evidenziato la necessità di rispondere con efficacia e in tempi brevi alla crisi economica ed occupazionale di questi territori con l’adozione di un nuovo modello di sviluppo, collaborativo e “leggero”, che si fondi su un’ampia condivisione dell’imprenditoria privata e delle comunità. La strategia che ne deriva si propone di promuovere, con il coinvolgimento dei privati, la realizzazione di una rete di percorsi e di servizi dedicati al cicloturismo che, partendo dalle “porte” dell’Abbadia di Fiastra di Tolentino e dell’Abbazia di San Claudio al Chienti di Corridonia, conduca alla scoperta delle eccellenze ambientali, storico-artistiche, enogastronomiche e produttive di questi luoghi, in connessione con il tracciato della Ciclovia Adriatica ed in coerenza con il progetto Cluster Bike della Regione Marche. L’obiettivo è quello di contrastare la marginalità turistica di queste terre inserendosi in uno dei target attualmente a maggior tasso di crescita, quello del “turismo dolce e outdoor”, creando nuove opportunità di lavoro sia dirette, con i servizi ai cicloturisti, sia nei settori collegati (accoglienza, artigianato, cultura ecc.). Complessivamente a disposizione del Pil  “La bellezza in bicicletta” ci sono risorse per 1.218.000 euro, di cui circa 318.000 euro destinate alle aziende, sia esistenti e sia di nuova costituzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni = 1