Ospedale di Civitanova, FdI:
«No allo smantellamento»

IL SEGRETARIO cittadino di Fratelli d'Italia, Roberto Pantella, pone interrogativi sul futuro del presidio: «Che fine faranno i reparti di Ematologia e Otorinolaringoiatria dopo il pensionamento dei primari? E l'ostetricia che non ha raggiunto il numero di parti annui previsti chiuderà?»
- caricamento letture

ospedale-civitanova-FDM

 

«Che fine faranno i reparti di Ematologia e Otorinolaringoiatria dopo il pensionamento dei primari? E l’Ostetricia che non ha raggiunto il numero di parti annui previsti chiuderà?» Interrogativi che arrivano da Fratelli d’Italia di Civitanova che chiede garanzie circa il mantenimento dei servizi del presidio cittadino.

«Si sono voluti accendere i riflettori sulla futura location dell’ospedale “unico”, spostando l’attenzione da quelle che sono invece le reali criticità delle strutture esistenti – scrive il segretario comunale di Fratelli d’Italia Roberto Pantella – ben venga l’eccellenza, non siamo certo contrari, allo stesso tempo però bisogna avere la capacità di garantire i servizi essenziali. L’ospedale di Civitanova attualmente non è in grado di rispondere alle esigenze del bacino d’utenza che vi gravita attorno soprattutto nel periodo estivo, e il futuro purtroppo non promette nulla di buono. Entro l’anno andranno in pensione direttori di unità operative di ematologia e otorinolaringoiatria, che ne sarà dei rispettivi reparti? L’Ostetricia non ha raggiunto il numero di parti annui. La riduzione del personale del laboratorio analisi, comporterà una diminuzione delle prestazioni, verranno eseguiti solo esami di routine. Per non parlare dei tempi d’attesa in pronto soccorso. A farne le spese oltre ai malcapitati è quasi sempre il personale che viene ingiustamente preso di mira dagli utenti che ignorano le difficoltà e le carenze strutturali con le quali si è costretti a lavorare. Un ospedale che giorno dopo giorno si impoverisce e si indebolisce a beneficio di quello di Macerata».

roberto-pantella

Il coordinatore locale di Fratelli d’Italia Roberto Pantella

La posizione di FdI rispetto all’ospedale unico non è di chiusura tout court, a patto che non venga depotenziato l’ospedale di Civitanova con il mantenimento di tutti i reparti: «Oggi si parla continuamente della realizzazione di un polo unico – aggiunge Pantella – quindi sarebbe logico credere che si concentrerebbero in un’unica struttura tutte le risorse, chiudendo definitivamente tutti gli altri presidi. Per essere corretti invece, bisognerebbe parlare di un ospedale di II livello dotato di strutture e discipline complesse, o meglio ancora del nuovo ospedale di Macerata. L’eccellenza ha un costo elevato difficile da sostenere, basta proclami sulla pelle dei cittadini. Come Fratelli d’Italia ci batteremo per impedire che i civitanovesi paghino con la chiusura del proprio ospedale, il malgoverno di questa regione». «Non si possono spogliare i territori dei servizi essenziali  – aggiunge l’onorevole Francesco Acquaroli – esiste una mediazione possibile che rafforza le eccellenze e non mortifica i territori, andiamo verso questa direzione superando il concetto di area vasta in senso stretto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =