Mama, Silenzi accusa:
«Delibera copia/incolla
e Civitanova diventa Macerata»

IL CONSIGLIERE punta il dito contro la giunta per l'adesione al distretto turistico Marca maceratese: «Hanno dato il segno della loro inadeguatezza e arroganza»
- caricamento letture

consiglio-comunale-silenzi-civitanova-FDM-6-325x217

 

«Civitanova sul Mama ha fatto copia e incolla con la delibera di Macerata». Il consigliere comunale Giulio Silenzi torna sulla questione del distretto Marca maceratese che non vede la partecipazione di Civitanova né per il distretto né per il protocollo. Silenzi sottolinea però anche un altro aspetto oltre a quello legato alla scadenza dei termini che non hanno permesso l’adesione del comune all’interno del percorso di rete con i comuni della provincia e riguarda la delibera che la giunta ha comunque sottoscritto nonostante la decorrenza dei termini. Nella delibera civitanovese infatti si sottolinea la centralità del comune di “Macerata” anzichè di “Civitanova” nella promozione del proprio territorio. «La delibera di giunta votata per l’adesione al distretto porta la data del 22 dicembre 2017, ma la certificazione è avvenuta in ritardo, con la pubblicazione all’Albo Pretorio oltre i termini, il 5 gennaio 2018. Quella delibera è oltretutto un pacchiano copia-incolla dell’atto prodotto a Macerata, tanto che ne riporta pedissequamente anche il passaggio sulla centralità del capoluogo. Nella delibera 452 del 22 dicembre della giunta di Civitanova si legge ciò che la giunta di Macerata ha già votato nell’atto n. 402 del 20 dicembre e in cui è scritto che “il turismo rappresenta il settore primario per lo sviluppo sostenibile, economico e occupazionale di questo territorio, per la crescita sociale e culturale della collettività e che in tale prospettiva il Comune di Macerata, quale ente territoriale più prossimo ai cittadini e alle imprese, riconosce il proprio ruolo centrale nella valorizzazione del proprio territorio”. Poche righe che Ciarapica & company non modificano e votano col nome di Macerata anziché quello di Civitanova. Il che rende perfino surreali le polemiche che sindaco e Gabellieri imbastiscono oggi tacciando gli altri di non leggere gli atti dando il segno della loro inadeguatezza e arroganza».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X