Ceriscioli sul nuovo commissario:
«Bene che sia marchigiano»

SISMA - Il governatore commenta l’investitura del geologo Piero Farabollini e sottolinea la necessità di discutere con l'assemblea dei sindaci sull’ordinanza della protezione civile per gli interventi del dopo terremoto che è in circolazione da luglio
- caricamento letture

piero-farabollini

Il geologo Farabollini

 

Nuovo commissario alla ricostruzione, il governatore Luca Ceriscioli: «Almeno una cosa di quelle che avevamo chiesto è stata recepita: che fosse un marchigiano perché permane la sensazione che a livello nazionale non sia ancora stato ben compreso quello che ha causato il sisma nelle Marche». Il presidente della regione ha commentato l’investitura del geologo Piero Farabollini, docente dell’università di Camerino, a nuovo commissario. Sarà invitato «subito all’assemblea con i sindaci perché abbiamo bisogno di ritrovare un raccordo con il Governo. Sono passati mesi dall’insediamento e dalla richiesta di un incontro e non c’è mai stata questa opportunità lasciando molti temi nell’incertezza – ha detto Ceriscioli –. Dalle cose più banali come la conferma dei dipendenti che lavorano nelle strutture, alle risorse per attività che oggi non sono finanziate, al recupero dei fondi per il Piano delle opere che hanno finanziato l’emergenza e ai fondi per l’emergenza stessa e agli strumenti collegati. Sono domande che faremo al Commissario in modo che possa riprendere con noi il percorso. A lui i migliori auguri di buon lavoro. Colgo l’occasione per ringraziare anche il commissario Paola De Micheli per il grande lavoro svolto e per essersi dimostrata sempre vicina al nostro territorio e alla nostra gente».

luca-ceriscioli-archivio-arkiv-FDM

Luca Ceriscioli

Ceriscioli ha sottolineato come una delle prime questioni da affrontare insieme sarà l’ordinanza del dipartimento di Protezione civile “Ulteriori interventi urgenti di protezione civile conseguenti agli eventi sismici a partire dal 24 agosto 2016” in materia di contributo di autonoma sistemazione e modalità di verifica di sussistenza dei requisiti. Il provvedimento era all’ordine del giorno ieri nella seduta plenaria del comitato istituzionale per le attività della ricostruzione post sisma riunito ad Ancona. «E’ da luglio che la nuova ordinanza riguardante gli interventi post sisma è in circolazione, ma non credo che nella sua formulazione troverà un esito positivo – ha detto Ceriscioli -. Noi non abbiamo mai dato l’intesa proprio per questo motivo: non convinceva il territorio. Abbiamo una comunità preoccupata che fatica a guardare avanti e con la quale non vogliamo rompere il patto di fiducia. Con i sindaci abbiamo condiviso una linea di indirizzo seria: verifica dei titoli degli aventi diritto al contributo di autonoma sistemazione, solleciti alla presentazione dei progetti per chi ha la classificazione B (danni lievi) con mantenimento del contributo Cas finché la famiglia non entra in casa, progressiva sostituzione degli alloggi in hotel (996 cittadini) con contributo Cas. Fatti salvi questi principi possiamo arrivare ad un testo condiviso da proporre al capo della Protezione civile Borrelli». I tre punti sono stati approvati dai sindaci dell’area del cratere e verranno sottoposti all’attenzione del nuovo commissario straordinario appena verrà nelle Marche.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X