Operazione “Cannabis light”,
torna libero il 51enne
arrestato per spaccio

UDIENZA di convalida: il giudice ha ritenuto non ci fossero esigenze cautelari. L'uomo era finito in carcere giovedì dopo il blitz della Squadra mobile in un grow-shop del centro di Ancona con conseguente sequestro di oltre 13 chili di marijuana e 24 piantine. Il negozio è della stessa società dei due chiusi a Macerata
- caricamento letture
cannabis_light

La cannabis sequestrata ad Ancona

 

Operazione “Canapa light”, torna libero il 51enne arrestato per spaccio dopo il sequestro di oltre 13 chili di marijuana e 24 piantine in un grow-shop. Il gip di Ancona Carlo Cimini infatti, pur convalidando l’arresto, ha ritenuto non ci fossero esigenze cautelari come chiesto invece dal pm Irena Bilotta. L’udienza di convalida si è tenuta stamattina nel capoluogo dorico. L’uomo, Alfonso Nicosia, siciliano residente ad Ancona, era assistito dall’avvocato Domenico Biasco. «Una carcerazione evitabile fin dall’inizio – commenta l’avvocato – il mio assistito ha ribadito quanto aveva già esposto alle forze dell’ordine al momento della perquisizione, cioè che pensava fosse legale la vendita di quel tipo di marijuana». E proprio su questo erroneo convincimento dell’uomo si è basata la decisione del giudice.

domenico-biasco

L’avvocato Domenico Biasco

L’operazione della Squadra mobile di Macerata era partita con la verifica e la successiva chiusura di due grow-shop in città, uno in via Lauri e l’altro a Piediripa, entrambi della stessa società. Erano state sequestrate 95 confezioni di marijuana e altre bustine per un totale di circa 200 grammi, più altri 33 grammi di hashish. Da lì la perquisizione nel negozio in centro ad Ancona, sempre della stessa società, il cui titolare è indagato.  Nel capoluogo dorico gli agenti hanno sequestrato 20 buste contenenti marijuana per un totale di 13 chili e 150 grammi, 24 piante di media altezza e 666 confezioni da 2 grammi ognuno della stessa sostanza, venduta come “canapa light”. Tutta la sostanza sequestrata è risultata positiva al narcotest, quindi con principio attivo thc. La perquisizione aveva portato all’arresto del 51enne, trovato all’interno del negozio al momento del blitz. Sul mercato, la marijuana sequestrata nei tre negozi avrebbe fruttato centinaia di migliaia di euro.

 

Operazione “Cannabis light shop”, sequestrati oltre 13 chili di marijuana: arrestato un 51enne

«La cannabis light non esiste, sequestreremo tutti i prodotti»

Cannabis light, blitz della polizia Chiusi due negozi a Macerata

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X