Il “Vento della libertà” sull’Hotel House:
perquisizioni a tappeto

PORTO RECANATI - Continuano i controlli straordinari delle forze dell'ordine nel palazzone multietnico: trovati alcuni grammi di eroina a un pakistano e un clandestino che sarà espulso. Rintracciato anche un tunisino di 31 anni che si era rifugiato da conoscenti: non aveva rispettato l'obbligo di firma a Bologna. Controllate in tutto 54 persone, 32 veicoli e cinque appartamenti
- caricamento letture

blitz-hotel-house-elicottero-cc-porto-recanati-FDM-2-650x433

 

Sequestrati alcune dosi di eroina, trovato un clandestino e rintracciato un uomo che si era rifugiato da conoscenti invece di rispettare l’obbligo di firma a Bologna. Controllate in tutto 54 persone, 32 veicoli e cinque appartamenti.  Nella mattinata di ieri, nell’ambito dei servizi denominati “Vento della Libertà”, sono proseguiti i servizi anticrimine nel territorio di Porto Recanati da parte di polizia e carabinieri, con particolare attenzione a River Village e Hotel House. Nel corso delle operazioni, condotte anche con l’appoggio di un elicottero della polizia, gli operatori hanno effettuato 18 perquisizioni nei confronti di persone già note orbitanti nel mondo della droga e 5 perquisizioni nei confronti di altrettanti appartamenti all’interno dell’Hotel House. Sono state identificate 54 persone e sottoposti a controllo 32 veicoli. All’interno di una delle abitazioni, sono stati rintracciati due extracomunitari entrambi già noti anche per reati inerenti gli stupefacenti. Uno di questi, pakistano di 24 anni, era in possesso di alcuni grammi di eroina mentre l’altro, marocchino 28 anni, clandestino sul territorio nazionale, è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’espulsione. In un altro appartamento è stato rintracciato un cittadino tunisino di 31 anni, anch’esso già noto per reati di droga, il quale non aveva rispettato l’obbligo di firma della questura di Bologna. L’uomo, già oggetto di ricerche da parte della forze dell’ordine, aveva trovato rifugio all’interno di un’abitazione dell’Hotel House in uso ad un connazionale dove si sentiva al sicuro e dove era giunto con molta probabilità con lo scopo di riallacciare i rapporti. Nel corso dell’operazione sono stati identificati anche due soggetti tossicodipendenti residenti in provincia che si erano recati nella zona per acquistare droga. Entrambi verranno muniti di provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio e divieto di rientrare a Porto Recanati per un periodo di tre anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X