Licenziamenti alla Cleaning service,
l’appello dei 14 dipendenti

CIVITANOVA
- caricamento letture

27992956_1706282952726509_5832049941618790269_o-650x391

 

Meno di trenta giorni al licenziamento degli operai della Cleaning service, la società che con appalto del comune si occupava dello spazzamento delle strade. Il 1 aprile infatti il comune passerà il servizio al Cosmari e i dipendenti non sono stati assorbiti dal consorzio. Gli operai chiedono che si metta mano alla propria situazione e hanno siglato una lettera in cui si chiede al comune di modificare gli accordi: «Il Comune di Civitanova Marche ha attivato la cessione di ramo di azienda omettendo di citare ed includere nella delibera di passaggio al Cosmari la Cleaning service. Siamo la sola ditta che viene discriminata nel passaggio al Cosmari. Non è successo per la Coop. La Spendente a Montelupone, per la ditta di Loreto, per la Coop. La Talea a Recanati e per la Coop. La Meridiana a Macerata. Tutti i dipendenti impiegati sono stati assorbiti. Questa volontà discriminatoria di cui noi non comprendiamo le motivazioni va a colpire 14 operai che da anni lavorano nello spazzamento a Civitanova. Ciò è frutto della non vigilanza dell’Ata che ha costretto il Cosmari all’acquisizione di ramo di azienda con evidente dispendio di denaro pubblico, condizione non obbligatoria in quanto a pagina 80 della delibera Ata n° 2 del 2013 si prevede già il passaggio di tutti i soggetti impiegati nel servizio. Facciamo appello alle forze politiche della provincia affinché questa vicenda si risolva nel miglior modo possibile per i 14 operai in questione».

L’appalto passa al Cosmari: 14 dipendenti della Cleaning service verso la mobilità



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X