Ospedale di Cingoli,
il consiglio regionale all’unanimità:
«Subito il punto di primo intervento»

SANITA' - L'assemblea legislativa ha approvato la mozione del vicecapogruppo del Pd Micucci, così si impegna la giunta a ripristinare quanto prima il pronto soccorso
- caricamento letture
ospedale-cingoli-pronto-soccorso-2-650x366

L’ospedale di Cingoli

 

Immediato ripristino del Punto di primo intervento dell’ospedale, con conseguente adeguamento dell’organico medico, che dovrà prevedere anche la copertura del posto vacante, per pensionamento, del medico radiologo, ed adeguamento delle strutture e delle attrezzature alle nuove esigenze del presidio sanitario. È quanto contenuto nella risoluzione sull’ospedale di Cingoli approvata oggi dal consiglio regionale. Il documento riporta integralmente il testo della mozione presentata dal vice capogruppo Pd, Francesco Micucci, il primo a depositare un documento sul tema, condiviso anche dalle opposizioni che hanno ritirato le loro mozioni. «Questa mozione nasce da un lavoro congiunto svolto da giunta e Pd di Cingoli che insieme hanno individuato alcune carenze dell’ospedale, iniziando un percorso comune per risolvere le difficoltà – ha affermato Micucci –. Avendo constatato come anche i consiglieri di opposizione, dopo la mozione presentata da me a nome di tutto il gruppo Pd, si siano attivati sul tema, presentato documenti nella sostanza simili al nostro e ritenendo poco proficuo dividersi per schermaglie politiche su un tema come questo, penso si sia fatto un buon servizio alla comunità trasformando la mia mozione in risoluzione, senza modificarla, e votandola all’unanimità». In prima linea da sempre anche il sindaco Filippo Saltamartini, che ha denunciato più volte le condizioni dell’ospedale, chiedendo a Regione e Asur di ritornare sui propri passi. La risoluzione impegna la giunta regionale all’immediato ripristino del Punto di primo intervento (Pip); a provvedere all’adeguamento dell’organico medico del reparto di lungodegenza ospedaliera che andrà a coprire anche l’attività del Pip, comprendendo anche la copertura del posto vacante, per pensionamento del medico radiologo e ad adeguare alle nuove esigenze le necessarie attrezzature, dopo obiettiva ricognizione degli uffici preposti. «Un primo passo importante per la sopravvivenza è stato compiuto – commenta il capogruppo di Forza Italia Jessica Marcozzi – . Ora, però, vigilerò sull’operato dell’amministrazione regionale affinché si restituisca il prima possibile ai cittadini un servizio essenziale.  L’ospedale, a 630 metri sul livello del mare, è montano e dovrebbe godere delle provvidenze e garanzie previste dalla Costituzione. La mancata riattivazione del Ppi ha però costretto un’intera comunità a recarsi a Jesi o Macerata per il pronto soccorso. Non solo disservizi ma anche lesione dei principali canoni istituzionali alla base della pubblica amministrazione. Ma oggi abbiamo in mano l’approvazione della mozione, un atto a cui nessuno da oggi stesso potrà sottrarsi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X