facebook twitter rss

Tito, ultimo abitante di Forca
Il cane custode del paese fantasma

STORIE POST SISMA - (VIDEO) - L'animale, dopo il terremoto, non ha voluto abbandonare i luoghi dove è cresciuto. Vive da solo nella frazione ed è diventato il simbolo della speranza e del senso di appartenenza di Montegallo. Come dice la 91enne Maria Santini: "Il mio paesello è il più bello di tutti". ESCLUSIVA
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Le storie degli abitanti di Forca

0 Condivisioni
post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo

Il cane Tito, ultimo abitante di Forca

 

di Federico De Marco

Si chiama Tito, è l’ultimo abitante rimasto a Forca, frazione di Montegallo, dopo il sisma del 24 agosto. È solo un cane, ma non ha voluto abbandonare i luoghi che l’hanno cresciuto. Tra le tante storie che arrivano dalle zone terremotate c’è anche la sua. Una piccola storia che però non è minore rispetto al dramma degli abitanti della frazione nell’entroterra ascolano, a pochissimi chilometri dal Maceratese e dal Fermano. Tito non ha un padrone, o meglio, non ne ha solo uno. È solo dal giorno del terremoto. Era il cane del paese, tutti lo coccolavano, chi con un osso, chi con qualche pezzo di carne. E lui ora è il simbolo della speranza che è anche quella della gente del posto che non vuole abbandonare i muri e le strade della propria quotidianità. La presenza di Tito significa che qui può tornare la vita, e Tito aspetta che il paese si ripopoli.

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-8

Una casa a Montegallo

Quando siamo arrivati in auto a Forca per vedere la situazione e scattare qualche foto, Tito ci ha accolto felicissimo, Cicerone a quattro zampe, ci precedeva come per dire “venite che vi mostro io la strada, vi faccio fare il giro del paese”. D’inverno a Forca, in tempi normali, vivono meno di dieci famiglie ma d’estate si riempie e la terribile notte del 24 agosto c’erano ben 180 persone, molte delle quali di lì a poco sarebbero ripartite. Non ci sono stati crolli strutturali ma la condizione di inagibilità ha provocato il totale svuotamento. Tito è un cagnolino molto intraprendente. Qualche volta viaggia per qualche giorno, arriva nella frazioni vicine, ma poi ritorna sempre nel suo paese. Non lo lascia. Neppure ora che a Forca regna il silenzio e sta diventando un paese fantasma. La leggenda narra che il nome di Forca deriva dal fatto che nella piazza era posizionata una forca nella quale venivano impiccati i briganti. Tito è diventato un simbolo del senso di appartenenza.

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-3

Il paese è completamente abbandonato

Lo stesso senso di appartenenza che impedisce alla popolazione di Montegallo di allontanarsi dalla proprio terra. Tutti cercano di adattarsi alla tendopoli, ai container e alle mense comuni. Qualcuno vive nella roulotte sotto casa, qualche famiglia viene smembrata e ospitata da amici. La fatica è molta e la vita non è facile specialmente in vista dell’inverno. Però la voglia di ricominciare e ricostruire tutto sovrasta qualsiasi altro sentimento. A poco più di un mese dal sisma, questo sentimento di attaccamento alla propria terra lo racconta Sergio Piciacchia, di Balzo, che la notte della scossa ha perso diversi familiari e a mani nude ha estratto vivo dalle macerie il nipote Mattia: «A Pescara c’era una scena apocalittica, il paese era completamente distrutto, sembrava che lo avessero bombardato. Dopo due ore e mezza, con tantissima fatica, siamo riusciti a tirare fuori mio nipote Mattia fino al ginocchio, era l’unico che rispondeva».

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-6

La farmacia container del dottor Ettore Fabiani

La farmacia del dottor Ettore Fabiani è stata riadattata in un container. «E’ stata molto dura perché io, come molti, – racconta – ho avuto la doppia inagibilità, quella della casa e quella dell’attività. Abbiamo vissuto difficoltà estreme, giorni senza telefono e senza corrente». Il sindaco Sergio Fabiani dice: «La vita è completamente cambiata ma cerchiamo di fare come sempre seppur in container e altri supporti di fortuna. Cerchiamo di riportare tutto alla normalità e al meglio che si può. Ma di una cosa siamo sicuri: noi montanari abbiamo deciso di rimanere qui». Neppure la signora Maria Santini ne vuole sapere di andarsene. Novantuno anni, lucidità unica, cura il suo orto come sempre, anche se confessa che lo fa solo col bel tempo. E balla alle feste. «Io non me ne vado da qui terremoto o non terremoto. Sono stata in molti posti ma il mio paesello è il più bello di tutti».

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-2

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-7

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-11

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-10

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-9

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-4

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-5

post-terremoto-cane-tito-forca-di-montegallo-12

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X