In canoa fino alla Croazia
per aiutare il Perù:
in mare anche il sindaco Saltamartini

L'IMPRESA - Il poliziotto Raniero Zuccaro attraverserà l'Adriatico con il suo kayak, per una raccolta fondi dedicata ad un asilo sudamericano. Tra i partecipanti alla missione anche il sindaco di Cingoli, a bordo di un'imbarcazione che accompagnerà l'agente fino all'Isola Lunga
- caricamento letture
L'agente Zuccaro a bordo della canoa con cui attraverserà il mare Adriatico

L’agente Zuccaro a bordo della canoa con cui attraverserà il mare Adriatico

 

Un poliziotto a bordo di una canoa attraversa l’Adriatico fino alle coste della Croazia. Partirà questa notte dalla Marina dorica di Ancona la sfida lanciata dall’agente fabrianese Raniero Zuccaro: una traversata fino al faro della località croata di Veli Rat, situata nell’Isola Lunga, che terminerà intorno alle 14 di sabato 2. Un’impresa sportiva mossa da un importante fine umanitario, ovvero una raccolta di fondi per la creazione di un pozzo per un asilo in Perù gestito dalle suore francescane di Madre Rubatto. L’iniziativa, oltre al supporto del Comune di Fabriano e della Polizia di stato, è stata promossa anche dal sindaco di Cingoli, Filippo Saltamartini. Lo stesso poliziotto Zuccaro, per la sua impresa in canoa, si è allenato nelle acque del lago Castreccioni sotto la supervisione del professor Giuliano Compagnucci, docente di educazione fisica dell’istituto alberghiero cingolano.

Filippo Saltamartini, sindaco di Cingoli

Filippo Saltamartini, sindaco di Cingoli

A sottolineare l’importanza della missione di Zuccaro, Saltamartini parteciperà alla traversata a bordo di uno dei due natanti di sostegno al poliziotto. «Sono davvero contento – ha commentato il primo cittadino del Balcone delle Marche – che la città di cui sono sindaco possa legare il suo nome a questa vera e propria impresa che arricchisce quella precedente della costruzione dell’asilo peruviano, in cui pure Cingoli era partner». La struttura delle suore di Madre Rubatto fu infatti finanziata dalla sponsorizzazione di un’altra impresa dell’agente Zuccaro, quando circa cinque anni fa attraversò tutta l’Italia in bicicletta, da Milano a Milazzo, in Sicilia. «Va sottolineato – continua il sindaco Saltamartini – che una parte dei fondi che sono stati raccolti per il pozzo in Perù, sono arrivati da donazioni volontarie di cittadini di Cingoli».

(Leo. Gi.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =