Acqua, scuola e inceneritori:
via ai referendum sociali

RECANATI - Il comitato locale "Trivelle zero" promuove un coordinamento per i beni comuni a partire da un incontro mercoledì alla libreria Passepartout
- caricamento letture

 

referendumPartirà con un incontro mercoledì alle 21,30 nella libreria Passepartout di Recanati la campagna per i referendum sociali promossa sulla scia nazionale dal comitato “Trivelle Zero”. Il movimento mira a sensibilizzare la cittadinanza sui temi della riforma scolastica, degli inceneritori e della gestione pubblica dell’acqua. In particolare si chiede l’abrogazione delle norme sul potere discrezionale attribuito ai dirigenti scolastici dalla recente riforma dell’istruzione, l’abrogazione del decreto dello “Sblocca Italia”, volto a facilitare la costruzione di inceneritori di rifiuti e ancora il blocco delle attività di ricerca ed estrattive degli idrocarburi. Ai quesiti si aggiunge una petizione popolare per il diritto alla gestione pubblica e partecipata. In una nota il comitato «auspica che i cittadini e tutti i soggetti di movimento, sindacali, associativi, religiosi interessati, presenti a livello locale, arrivino a costituire un coordinamento per i beni comuni.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X