Piazza Annessione senza auto,
i commercianti lanciano l’idea:
“Faremo iniziative, oggi è un Far west”

MACERATA - Presto la proposta della pedonalizzazione sperimentale arriverà negli uffici comunali. Capofila Paolo Bettucci del bar La tazza ladra: "E' necessario rivitalizzare l'area con persone ed eventi". Il partito del no: "Ci sono cose più urgenti, il commercio è schiacciato dalle tante saracinesche abbassate, i parcheggi servono"
- caricamento letture
piazza annessione macerata (1)

Piazza Annessione

 

piazza annessione macerata (20)

Paolo Bettucci del bar La tazza ladra

 

di Marco Ribechi

Via le auto dalla piazza dei Cancelli di Macerata. Partirà entro una settimana la richiesta al Comune per pedonalizzare l’area per un periodo di prova di circa 4 mesi. Nasce da alcuni commercianti l’idea di chiudere al traffico piazza Annessione, dove la sosta attualmente è riservata esclusivamente ai residenti. La piazza è però allo stesso tempo luogo per lo stazionamento incontrollato di vetture non autorizzate che approfittano dello spazio per soste rapide, senza pagare il parcheggio. «Credo sia importante valorizzare questo spazio in un modo diverso dal parcheggio – spiega Paolo Bettucci, titolare del bar “La tazza ladra” e capofila dell’iniziativa – Nella nostra ottica dovrebbe diventare un luogo di incontro tra i flussi pedonali di corso Cavour e via Garibaldi. Ora è terra di nessuno, tutti entrano, fanno manovra, lasciano l’auto in doppia fila. Sarebbe riservata ai residenti ma visto che non ci sono telecamere è diventato un far west».

piazza annessione macerata (26)

I posti riservati ai residenti potrebbero essere spostati subito fuori dai Cancelli

Nella piazza ci sono circa 12 posti ad uso esclusivo dei residenti. La proposta prevede di spostare immediatamente fuori dai Cancelli le aree riservate, questo non creerebbe inconvenienti agli abitanti del centro. Sarà inoltre importante lasciare degli spazi per il carico e lo scarico delle merci. «I parcheggi sarebbero spostati di pochi metri – continua Bettucci – inoltre chiederemo strisce pedonali per chi proviene da corso Cavour visto che tanto tutti attraversano nelle aiuole spartitraffico in maniera spesso pericolosa». Una volta liberata la piazza si potrà pensare all’arredo urbano con panchine, alberi e fioriere. Sarà importante anche rifare l’illuminazione e in parte anche il manto stradale. «Per i residenti non cambierà quasi nulla – conclude il barista – Anche per le attività di corso Garibaldi non ci sarà disagio perché la loro via è già chiusa al traffico quindi chiudere piazza Annessione è il naturale proseguimento di quello che è già stato fatto. Ne risentiremo noi commercianti ma sono sicuro che se in un primo momento perderemo qualche cliente in seguito ne acquisteremo tre volte tanto. Come è successo per piazza della Libertà dove i commercianti hanno fatto tante proteste e ora sono tutti soddisfatti. Il problema è che tutti siamo danneggiati dalle tante attività chiuse, bisogna ricreare il movimento di persone  (leggi l’articolo). Allora avere una piazza bella e vivibile in cui fare tante iniziative non può che essere uno stimolo in più per far ripartire il commercio».

piazza annessione macerata (28)

Daniele Carancini, titolare della macelleria in piazza Annessione

La prima attività sarà la festa “Pazzie in piazza”, diventata ormai un appuntamento fisso. Due giorni con musica dal vivo e stand gastronomici in programma il 16 e 17 aprile. Non tutti i commercianti sono però così sicuri come Paolo Bettucci. «Io sono per una chiusura nei giorni in cui si fanno manifestazioni o attività, prevalentemente nei fine settimana – spiega Daniele Carancini, dell’omonima macelleria – Nei giorni normali però è importante la sosta perché molti clienti vogliono il parcheggio comodo. Penso che si deve rivitalizzare la piazza, anche con interventi che la rendano più bella ma questo non deve essere fatto a scapito di chi ci vive ogni giorno».

piazza annessione macerata (13)

Luca Loncao e Carla Messi dell’erboristeria San Giuliano

Sulla stessa linea anche l’erboristeria San Giuliano: «E’ importante fare un progetto integrato anche con il piano di mobilità e dei parcheggi – spiegano Carla Messi e Luca Loncao, titolare dell’erboristeria – Ora la piazza è un punto d’appoggio per molti clienti, chiuderla senza alternative non è il massimo. E’ anche vero che chi non è residente già ora, in teoria, non potrebbe parcheggiare quindi tutto il transito e la sosta attuale sono praticamente abusivi. Però alla fine se questo può essere un punto d’inizio per tornare a vivere il centro in un modo differente si può anche provare, fondamentale però è rifare l’illuminazione che ora è scarsissima». Contrarie invece le attività di corso Garibaldi: «Sono contraria perchè può servire a chi viene su per poco tempo e fa una sosta rapida – spiega Laila Bianchi del bar Ezio – Già in centro non ci viene nessuno perchè ci sono pochi parcheggi». Contraria anche Giada Mariani dell’edicola di via Garibaldi: «Mi oppongo sia come residente che come commerciante. Ci sono altri problemi da risolvere come gli spazi vuoti. L’ex Oviesse chiuso è un danno per tutto il commercio della zona. Il primo passo dovrebbe essere quello di rivitalizzare e abbellire la galleria e fare di più contro la sporcizia abbandonata in strada. Più controlli anche di notte soprattutto nei confronti di chi ubriaco sporca o molesta i residenti con canti e schiamazzi».

piazza annessione macerata (17)

Laila Bianchi del bar Ezio

piazza annessione macerata (19)

I negozi chiusi nella galleria sono una preoccupazione per tutti i commercianti della zona

piazza annessione macerata (24)

Piazza Annessione durante il mercato del mercoledì

piazza annessione macerata (25)

piazza annessione macerata (27)

piazza annessione macerata (22)

piazza annessione macerata (14)

piazza annessione macerata (11)

piazza annessione macerata (4)

piazza annessione macerata (6)

piazza annessione macerata (7)

piazza annessione macerata (29)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X