In marcia contro la prostituzione:
“I clienti sono maiali, non principi”

PORTO RECANATI - L'iniziativa del gruppo Alternanza civica contro il mercato del sesso e per riappropriarsi della Pineta, in scacco ad attività illecite. Durante la manifestazione non saranno esposti striscioni né fatti comizi
- caricamento letture
prostitute

(foto d’archivio)

Una marcia per dire basta alla prostituzione. Domenica 14 febbraio, nel giorno degli innamorati, a Porto Recanati ci sarà la prima camminata contro lo sfruttamento della prostituzione allo slogan “I clienti sono maiali, non principi azzurri”. Solo una settimana fa in un blitz dei carabinieri erano state fermate e denunciate due ragazze minorenni (leggi l’articolo). Ora la reazione della città. L’appuntamento è alle 11 al balneare Oasi da dove sarà raggiunta a piedi la Pineta. Gli organizzatori dell’evento, Alternanza civica, chiama a raccolta tutte le famiglie per dire: «No a questo scandalo che si consuma nella zona sud del paese e per riscoprire un tesoro quale è la pineta, una delle zone più belle di Porto Recanati». Durante la camminata non verranno intonati slogan, esposte bandiere di partito o cartelli. Inoltre non ci saranno comizi, come è nella volontà degli organizzatori. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X