No all’inceneritore, Biancani:
“C’è unità in Commissione”

AMBIENTE - Il presidente (Pd) auspica un documento unitario dopo la sollecitazione di Sandro Bisonni del M5s. Presente alla riunione l'assessore Angelo Sciapichetti, che ha illustrato la posizione che sosterrà la Regione domani (9 settembre) in occasione della seduta della Conferenza Stato-Regioni
- caricamento letture

 

Andrea Biancani

Andrea Biancani, presidente della terza commissione

Un no corale alla costruzione di un termovalorizzatore nelle Marche. La III Commissione Ambiente, presieduta da Andrea Biancani del Partito Democratico dà pieno sostegno alla posizione che la Giunta regionale illustrerà domani nel corso della seduta della Conferenza Stato-Regioni. Un incontro tecnico che affronterà la questione dell’articolo 35 contenuto nel decreto “Sblocca Italia” in cui si prevede appunto la costruzione su tutto il territorio nazionale di 12 termovalorizzatori, uno dei quali nelle Marche. «Riteniamo – ha dichiarato il presidente Biancani – che nella nostra regione non sia necessario un termovalorizzatore. Il cammino che abbiamo intrapreso va sempre più in direzione della raccolta differenziata, puntando al riciclo al recupero e al riuso. Era comunque necessario sentire in merito la posizione ufficiale del Governo regionale, da qui, in accordo con il vice presidente Sandro Bisonni (M5S), l’invito all’assessore all’Ambiente a riferire in merito»

Angelo Sciapichetti assessore regionale primo incontro regione comuni giunta itinerante 201528

Angelo Sciapichetti, assessore regionale all’Ambiente

L’assessore Sciapichetti  ha ribadito che lo stesso Piano regionale dei rifiuti non prevede alcun termovalorizzatore per le Marche (leggi l’articolo). «E’ significativo – ha detto Biancani – che tutti i commissari abbiano manifestato grande sensibilità verso questa tematica ed è per questo che abbiamo dato all’assessore Sciapichetti un mandato forte per esprimere il no a nessun tipo di termovalorizzatore nella nostra regione».  «Questo articolo 35 dello Sblocca Italia – ha ribadito il presidente Biancani – avendo classificato gli impianti come insediamenti strategici di interesse nazionale, toglie la possibilità alle Regioni di poter decidere in autonomia quale politica adottare in materia di smaltimento di rifiuti, scavalcando così la programmazione regionale ed escludendo da essa il confronto con i territori, una delle priorità della Regione Marche. Inoltre – ha continuato Biancani – gli inceneritori dovrebbero andare a coprire il fabbisogno residuo che nelle Marche è basso, avendo già percentuali elevate di raccolta differenziata; il rischio è quello di aprire la strada all’importazione di rifiuti da altre Regioni, necessari per consentire agli impianti di funzionare a regime».

Il presidente Biancani, in chiusura dell’incontro, ha accolto una proposta di mozione unitaria avanzata dal vice presidente Bisonni  (leggi l’articolo). «Questa mozione – ha concluso Biancani – esprime un no alla costruzione di un termovalorizzatore e, più generalmente e in prima battuta, un no alla combustione dei rifiuti sul territorio regionale. La mozione passerà ora all’esame della conferenza dei capigruppo, durante la quale auspico di trovare una sintesi comune e di portare un documento unitario in Consiglio regionale per la sua approvazione».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X