Cammelli allo Shada
Insorgono gli animalisti:
“Vergognoso, non basta il circo”

CIVITANOVA - Un esponente dell'Oipa ha preso il telefono per avvisare la Forestale e denunciare la presenza degli animali come attrazione del locale. "Erano legati ad una corda corta - dice Massimiliano Stampella - ed erano sofferenti". Aldo Ascani replica: "Stavano benissimo e avevamo le autorizzazioni. Il proprietario li ha salvati da un circo dove erano deperiti"
- caricamento letture
cammello_shada

Il cammello allo Shada

 

Uno dei due cammelli davanti allo Shada

Uno dei due cammelli davanti allo Shada

La serata orientale allo Shada porta la discoteca a piazzare due cammelli all’ingresso suscitando le ire degli animalisti. Così ieri sera, un esponente dell’Oipa (organizzazione internazionale protezione animali), Massimiliano Stampella, dopo aver saputo della loro presenza sul lungomare, tenuti legati ad una corda, ha preso il telefono per avvisare la Forestale e denunciare la presenza dei cammelli come attrazione del locale. «La corda era molto corta – dice Stampella – erano sofferenti, non stavano bene quegli animali. Ho chiesto di fare un controllo». Stando alle prime notizie a mezzanotte e mezza è arrivata la guardia forestale che ha atteso l’intervento di un veterinario per controllare la salute degli animali. Le foto dei cammelli hanno fatto il giro dei social network suscitando la reazione di altri animalisti che hanno definito sui commenti la cosa “Vergognosa” aggiungendo “Non basta vederli al circo?”. Ieri sera allo Shada era in programma la serata “Arabesque” pubblicizzata come un suggestivo viaggio nel mondo orientale ripercorrendo le atmosfere da mille e una notte.

Lo Shada frena la polemica. «Avevamo tutte le autorizzazioni – commenta Aldo Ascani, titolare della discoteca – ci siamo rivolti ad una agenzia. I cammelli stavano benissimo. Avevano mangiato e c’era una brocca d’acqua che veniva portata loro dal proprietario per farli bere. Sono stati lì due ore. Non è la prima volta che facciamo serate così, lo abbiamo fatto anche ai tempi del Babaloo. I cammelli erano gli animali più piccoli che portavamo. Mi dispiace se a qualcuno ha dato fastidio, nessuno li ha trattati male. Dentro avevamo anche i serpenti per uno spettacolo. Il proprietario dei cammelli li ha salvati da un circo dove erano deperiti. Stavano meglio lì nel prato che sotto un tendone».

(Servizio aggiornato alle 11,45)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X