Il sindaco Pezzanesi:
“Ricevuto lettere anonime”
Comitato salva Green: “Lo denunciamo”

TOLENTINO - Bufera dopo una trasmissione tv, il primo cittadino spiega di non sapere chi ne sia l'autore e di non averle nemmeno aperte "forse c'è materiale organico"
- caricamento letture
Giuseppe Pezzanesi

Giuseppe Pezzanesi

Il sindaco di Tolentino va in tv: “ho ricevuto due lettere sulla questione dell’asilo nido Green”, e in città scoppia la bufera con il comitato Salviamoilgreen che minaccia denunce. Il primo cittadino chiarisce: “mai detto siano stati loro a mandarle, non so chi ne sia stato l’autore, nemmeno le ho aperte. Dentro no so cosa ci sia, forse materiale organico”.

Il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi parla di due lettere anonime ricevute sulla questione del Green e scoppia un caso. Perché le sue dichiarazioni, riportate ieri sera nel corso di una trasmissione di Video Tolentino, hanno suscitato la reazione del comitato Salviamoilgreen che ha annunciato una denuncia per diffamazione. «Nel corso della trasmissione ho detto che ho avuto due casi particolari, il primo una lettera con dei proiettili che ho ricevuto dopo aver vinto le elezioni. Il secondo caso risale ad un mese e mezzo fa quando ho ricevuto due lettere con scritto “No al Green” e dentro c’era qualcosa, non so di cosa si tratti, so che le buste erano tutte impiastricciate, credo di tratti di materiale deperibile, forse materiale organico. Non ho denunciato la cosa perché non la volevo enfatizzarla». Poi il sindaco aggiunge «Non so chi le abbia inviate, altrimenti avrei denunciato io». Altro punto invece la trasmissione di Canale 5, Indignato speciale, in cui si è parlato della vicenda del Green. «Sono venuti due volte a Tolentino senza contattarmi, è mancato il contraddittorio. E’ stata una cosa aberrante sotto il profilo della democrazia».

L'asilo Green nelle riprese del servizio di Canale 5

L’asilo Green nelle riprese del servizio di Canale 5

Sul Green «vado avanti perché sono convinto sia per il bene della cittadinanza. Tra l’altro chi vincerà il bando dovrà occuparsi di realizzare un ettaro di area verde attrezzata, una scuola da 60 posti, quella che c’è è di 32, e dovrà versare 350mila euro che serviranno per la realizzazione del ponte sul Chienti. Sono convinto che tutto questo vada a favore della cittadinanza». Il comitato Salviamoilgreen, interviene con una nota. Sulla trasmissione l’Indignato speciale, «il comitato ha girato alla redazione Tg5, già in occasione della prima puntata, le rimostranze del sindaco (ci sono le mail). La redazione ha risposto di non aver ricevuto nessuna comunicazione dall’amministrazione di Tolentino e, quindi, non ha ritenuto che quest’ultimo fosse interessato ad una replica». Sulla scuola «I posti disponibili dell’attuale asilo sono 45 elevabili, con una piccola riorganizzazione, a 52, non come detto dal sindaco 32». E sulle affermazioni relative alle lettere anonime di Pezzanesi, «come atto dovuto, è scontato che verrà sporta denuncia per diffamazione contro il sindaco». Infine interviene anche il segretario del Pd, Marco Romagnoli, rispondendo a chi chiede come mai non fosse presente un esponente del partito alla trasmissione di Video Tolentino (oltre a Pezzanesi era presente un esponente del Movimento 5 stelle ed era prevista la partecipazione anche del Partito democratico). Il segretario spiega che si è trattato di un disguido organizzativo «rispediamo con forza al mittente le accuse secondo le quali il Pd non si starebbe battendo per ostacolare lo scempio ideato dal sindaco e finalizzato all’abbattimento dell’asilo nido Green con conseguente cementificazione dello spazio verde in cui lo stesso è ubicato. Ricordiamo che è stato proprio il PD per primo a denunciare tale insano tentativo e che, senza voler fare della questione elemento di speculazioni a fini elettorali, si è messo a totale disposizione dei tanti cittadini che a questo scellerato proposito sono contrari».

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X